Vacanze in Croazia: passeggiare per Spalato

0
341
Spalato
Panorama Spalato
Spalato
Panorama Spalato

La Croazia è una delle mete estive predilette dagli italiani alla ricerca di una vacanza al mare low cost. I traghetti vengono presi d’assalto e la costa diventa un brulicante susseguirsi di spiagge e scogliere. Eppure la Croazia d’estate è molto di più del suo mare e la sua storia mantiene ancora al suo interno perle uniche di bellezza. Una di queste è sicuramente Spalato, una splendida città che da un lato è incorniciata dalle montagne mentre dall’altro ammira il limpido mare. Se durante le vostre vacanze fatte di sole e mare, e siete abbastanza abbrustoliti seguite pure i miei spassionati suggerimenti per una vacanza in Croazia: dedicate un pò di tempo all’entroterra, e partite proprio da questa città.

Vacanze in Croazia
Il Palazzo di Diocleziano

Spalato è una città immersa in una atmosfera senza tempo proiettata nel futuro, tra monumenti e boutique, ristoranti e hotel caratteristici. Il centro storico della città è sicuramente l’immenso Palazzo di Diocleziano. Il grande edificio è stata una idea di Diocleziano che cercava una sistemazione comoda dove godersi la vecchiaia. In 17 secoli la fortezza di Diocleziano, dove trascorse i suoi ultimi 10 anni d vita, si è trasformata da palazzo a città vera e propria diventando un monumento unico diventato uno dei patrimoni dell’Unesco. Quest’area racchiude quello che è il centro storico della città con le sue stupende e imponenti mura bianche. Camminare gettando da parte guide e cartine è uno dei passatempi migliori a Spalato, fermarsi per una bibita fresca in uno dei bar all’aperto godendo della meravigliosa e movimentata atmosfera, oppure camminare sul lungomare, la cosiddetta Riva, rimessa a nuovo e modernizzata.

Vacanza in Croazia
Lungomare di Spalato

Passate per il Peristilio, il luogo dove un tempo l’imperatore teneva i suoi discorsi, e date un’occhiata alla Cattedrale di San Doimo, passata da mausoleo di Diocleziano a chiesa. Spostandosi i monumenti si susseguono uno dopo l’altro: la sfinge nera risalente almeno a 3500 anni fa, il Vestibolo che anticipa gli appartamenti reali, i sotterranei. Si prosegue lungo i viottoli affollati di bancarelle in direzione del suq ammirando gli edifici ormai millenari riconvertiti in modo eccellente in moderni hotel di lusso. Le strade continuano a seguirsi una dopo l’altra profumate dell’odore del cibo che fuoriesce dalle cucine dei numerosi ristoranti del centro storico, magari è anche l’ora di una pausa culinaria: potete provare la trattoria Bajamont dove mangiare, in un locale intimo e suggestivo, piatti della cucina mediterranea cucinati dalla proprietaria nella cucina a vista. Campanile della cattedrale di San Doimo   Tra tanta storia, per gli amanti delle shopping, non mancano le boutique di tendenza o i negozi che espongono opere di artisti locali. Un indirizzo particolare per acquistare qualche interessante souvenir? Sicuramente il Camelot dove fare incetta di sigari e liquori pregiati.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Scrivi il tuo nome qui