Barcellona in due giorni

2
244
La principale opera di Gaudì

 

Solo due giorni a disposizione e un infinità di cose da vedere. Questa la problematica in cui si incappa quando ci si appresta a trascorre un breve week-end a Barcellona, una città a dir poco meravigliosa che può offrire ai suoi ospiti un innumerevole patrimonio di cose da fare e da vedere, tenendoli occupati per periodi molto più lunghi.

Cerchiamo comunque di consigliarvi il modo migliore per ottimizzare il breve tempo messo a disposizione da un week-end.

Un palazzo tipico di Barcellona

Per prima cosa la scelta di un albergo a Barcellona, deve essere il più possibile strategica, stiamo parlando di una metropoli, quindi evitare di impiegare troppo tempo in eventuali spostamenti lascerà sicuramente più spazio alla scoperta delle bellezze di questa città.

Fortunatamente di hotel, bed & breakfast, pensioni e alloggi o sistemazioni varie Barcellona ne è piena, se ne possono trovare di tutti i gusti e per tutte le tasche, quindi prenotare il vostro hotel a Barcellona nelle vicinanze dei principali punti di interesse è decisamente la base da cui partire.

Primo giorno:

La famosa via di Barcellona

 

Il nostro itinerario di Barcellona non poteva non cominciare dalle Ramblas. Un viale di tre km circa cha va da Piazza della Catalunya fino al Porto Vecchio, procedendo per questa strada a circa metà del tragitto si incontra il Barrio Gotico (il quartiere gotico), un area dove si respira la vera storia della città, il suo nome nasce dalla presenza, all’interno del quartiere di diversi monumenti in stile gotico a testimoniare l’importanza di un glorioso passato, forse una delle zone più caratteristiche della città dove vale veramente la pena soffermarsi un po.

Appena riprendete la Rambla e assolutamente d’obbligo entrare nella Boquiera il più grande e famoso mercato di Barcellona e della Spagna, uno dei più visitati del mondo, la Boquiera detto anche Mercat San Josep rappresenta il più nitido esempio di mercato popolare catalano.

Usciti da questo luogo non vi resta che dirigervi verso il Porto Vecchio, qui potrete godere a pieno del fascino della nuova zona commerciale chiamata Maremagnum, dove attrazioni, divertimenti e locali rappresentano sicuramente il piatto forte.

Secondo giorno:

La principale opera di Gaudì

E’ arrivato il momento di scoprire la Barcellona di Gaudì, il celebre artista che ha contribuito notevolmente a rendere celebre questa città. Questo percorso non può non iniziare che con La Sagrada Familia, emblema della città, il capolavoro incompiuto dell’architetto che avrebbe avuto lo scopo di rappresentare la vita di Gesù, forse il simbolo più importante della religiosità spagnola.

Imperdibili sono anche la altre costruzioni fatte da Gaudì che, seppur minori, rappresentano delle autentiche opere d’arte come ad esempio Casa Milà, chiamata anche La Pedera annoverata fra le meraviglie che appartengono all’Unesco, durante il fine settimana il tetto di quest’opera viene aperto per consentire ai suoi visitatori di ammirare una fantastico panorama con vista sulla città.

Imperdibili sono anche Casa Batlò, Casa Clavet e il Parc Guell, queste opere vengono considerate una sorta di città delle fiabe, data la loro fattura interamente costituita da coloratiassimi mosaici.

Il vostro piccolo week-end a Barcellona è terminato, siamo convinti che seguendo questo breve ma intenso itinerario che abbiamo ideato possiate andare via soddisfatti della vostra avventura, ma siamo consapevoli che la sensazione che più di tutte rimarrà impressa nelle vostre menti sarà indiscutibilmente la voglia di ritornarci ancora!!!

Veduta dell'opera di Gaudì

 

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteCollegamenti autobus tra Bari e Roma
Articolo successivoVacanza alle Maldive, vivere in paradiso al Huvafen Fushi Resort
Blogger e appassionata viaggiatrice scrive per BlogVacanze.com dal 2012. Sara viaggia molto durante l'anno attraverso tutti i continenti e al suo ritorno condivide le sue esperienze di viaggio e racconta le sue vacanze ai nostri lettori, scrivendo dei fantastici articoli contenenti utili consigli di viaggio. Inoltre Sara è anche un'assidua ricercatrice di informazioni per viaggi che poi condivide con i nostri lettori tramite i suoi post.

2 COMMENTI

  1. Ciao,
    Questo sito è davvero interessante. Io vorrei pubblicarci un articolo e i miei links pero non so come si fa! Come si fa per contattare un responsabile del sito??
    Luca

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Scrivi il tuo nome qui