7 cose da fare durante un week end ad Amsterdam

Amsterdam

Città ideale per un week end fuori dall’ordinario Amsterdam è facilmente raggiungibile grazie ai numerosi voli low cost che la raggiungono.

Se non siete mai stati in questa bellissima città sappiate che ci sono alcune cose che dovete assolutamente inserire nelle cose da fare ad Amsterdam.

1- Prima di tutto ad Amsterdam con in tutte le città del nord Europa tutti vanno in bici, sarà cultura, sarà il fatto che è estremamente pianeggiante tutti sfidano anche il freddo invernale e sono dotati di biciclette.

Quindi tra le cose da fare dovete assolutamente affittare una bici e fare un bel giro per i canali di Amsterdam, ma mi raccomando di seguire le regole del posto: girate solo utilizzando le piste ciclabili, non vi fermate in mezzo alla pista senza motivo, rispettate i sensi di marcia.

Amsterdam mercato dei fiori

2- Altra cosa da fare sicuramente è un giro al mercato dei fiori, molto pittoresco e colorato. Se siete appassionati di giardinaggio qui troverete di tutto anche i semi dei rinomati tulipani, ottimo souvenir della città sicuramente.

3- Il giro dei canali poi vi permetterà sicuramente di scoprire la città da un punto di vista diverso. Amsterdam è chiamata la Venezia del nord, ma anche se molto diversa dalla nostra Venezia, sa coltivare il suo fascino unico ed un giro in battello per i 165 canali della città può essere molto interessante.

4- Altra tappa fondamentale della città è il museo di Van Gog. Vi toccherà una bella fila quindi armatevi di pazienza ma ricordate che vedere un Van Gog di persona non ha prezzo, quindi vale la pena aspettare.

Al Van Gog Museum sono esposte più di 200 tele dell’artista e alcune sono tra le più conosciute al mondo.

amsterdam+quartiere a luci rosse

5- Al calar del sole non potete mancare il quartiere a luci rosse, uno dei punti di attrazione turistica più forti della città e probabilmente il De Wallen di Amsterdam è il quartiere a luci rosse più conosciuto d’Europa. Si trova in pieno centro città in un’area di profondo interesse storico e attira ogni week end migliaia di curiosi.

6- Se arrivate ad Amsterdam, come in ogni paese c’è da scoprire le capacità culinarie del posto, anche se noi italiani da questo punto di vista siamo piuttosto incontentabili. La cucina tipica di Amsterdam parte dalle pannekoeken che letteralmente potremmo tradurre in pan cake che qui si mangiano sia dolci che salate. Per la sera vi consigliamo il Haesje Claes: un locale in pieno centro città fatto di antichi arredi per un’atmosfera decisamente retrò, qui potete assaggiare molti piatti tipici, la cucina è un pò pesante ma sicuramente ottima.

7- Ultima cosa che potete fare ad Amsterdam è sicuramente trovare altre cose da fare….e magari farcele conoscere. Addentratevi nei vicoli troverete piacevoli sorprese scoprendo localini e negozietti fuori dalle carte turistiche ma che offrono sicuramente uno scorcio unico e autentico di Amsterdam.

Dove andare in vacanza ad ottobre

vacanze ad ottobre in india

Il mese di ottobre è per antonomasia uno di quei mesi che sembra mettere tristezza: l’estate è alle spalle, l’autunno arriva, e soprattutto le prossime vacanze sembrano decisamente lontane.

Eppure, sempre più italiani stanno scoprendo le potenzialità di questo mese che ha la principale qualità di essere classificato come bassa stagione e questo significa prezzi degli alberghi molto più bassi. Quindi con lo stesso importo di una vacanza in Sardegna in luglio o agosto si riesce ad arrivare dall’altra parte del mondo.

Dove andare allora ad ottobre?

Per prima cosa, per chi ha fatto già mare e non vuole allontanarsi troppo l’autunno è il periodo ideale per dedicarsi alle capitali europee: il clima è perfetto, il caldo è passato ed il freddo deve ancora arrivare, quindi le capitali europee diventano mete prese d’assedio. Soprattutto quello il periodo è l’ideale per l’Andalusia e le città a sud della Spagna.

Ma come fare a non parlare di Monaco di Baviera e dell’October Fest? Qui purtroppo in questo periodo non esiste la bassa stagione quindi prenotate in anticipo se decidete di andare.

Il periodo poi è l’ideale per puntare verso l’Asia.

Infatti a ottobre si è già chiuso il periodo dei monsoni e la stagione estiva sta iniziando un pò su tutto il territorio.

trekking in nepal

 

In India potreste trovare ancora qualche zona un pò fresca, ma comunque ci si può iniziare a pensare. In Nepal poi si apre la stagione del trekking, e anche la Cina supera i monsoni ed il sud è particolarmente accogliente in questo periodo. In Asia eviterei ancora la Thailandia perché in alcune zone si è ancora nel mezzo della stagione dei tifoni, eventi piuttosto violenti decisamente da evitare.

Per chi ama l’Africa in questo periodo molte zone sono visitabili con temperature decisamente favorevoli e la fine della stagione delle piogge. Il Madagascar ad esempio vede in ottobre uno dei mesi migliori, ricercatissima anche Zanzibar (e proprio per questo anche un pò costosa). In sud America l’Argentina vive proprio in ottobre la stagione secca soprattutto potete puntare la Patagonia Atlantica che in ottobre mostra la bellezza della sua fauna selvaggia.

In Nord America invece, molte nazioni vivono il loro momento ideale soprattutto Arizona, Colorado, New Mexico e Utah: in ottobre il freddo gelido dell’inverno ancora non arriva, ma la folla estiva già si è dispersa.

Madagascar

 

Insomma molte destinazioni tra cui scegliere, ma molte altre da evitare.

Ad esempio se adorate i Caraibi cercate di spostare le ferie il più possibile verso novembre dato che il periodo degli uragani è sul finale, ma come mostrano gli esempi degli ultimi anni non si può mai sapere. Purtroppo dovete dimenticarvi di partire in ottobre anche per le Fiji e le zone del Pacifico Meridionale.

I 5 hotel più bizzarri d’Europa


A volte considerare un hotel come semplice sistemazione per la notte, potrebbe rivelarsi un falso luogo comune. Se si decide di fare una vacanza in giro per le capitali europee, soprattutto se si ha voglia di concedersi una vacanza come dire “sopra le righe”, allora scoprirete con stupore che in Europa esistono strutture ed hotel che si possono definire alquanto bizzarri, senza offendere nessuno, soprattutto i proprietari che hanno investito proprio sulla originalità e sulla curiosità per ottenere successo. Si tratta dei 5 hotel più bizzarri d’Europa,  posti che però vale davvero la pena di visitare almeno una volta nella vita ed armarsi di spirito di adattamento e voglia di evadere dai classici schemi.

La prima tappa è in Svizzera dove è sorto il Null Stern Hotel, un albergo originale a 0 stelle ricavato dai sotterranei di un condominio, la cui conformazione richiama in tutto e per tutto un bunker anti atomico. I richiami però non sono solo negli arredi e negli ambienti, in realtà questo speciale hotel svizzero protegge davvero da attacchi di sostanze chimiche ed esplosioni atomiche; clima spartano si, ma tanta sicurezza!

La prossima destinazione potrebbe portarvi in Austria e più precisamente al Das ParkHotel, nei pressi della ridente località di Linz e più precisamente a Ottensheim. Questo hotel austriaco ha ricavato le sue stanze e vari ambienti da enormi tubature in cemento armato, tutte dotate di ingresso indipendente, armadi e finestra. Per il bagno, le bevande ed il cibo, bisognerà uscire all’esterno e raggiungere altre tubature circostanti: ve lo suggeriamo nei periodi estivi.

In Germania invece vi aspetta un enorme ed antica cisterna d’acqua, sapientemente restaurata e trasformata nell’Hotel Im Wassertum; questo è forse l’hotel più tradizionale tra quelli qui menzionati, anche perché all’interno vi aspetta una struttura elegante, dotata di ogni comfort e servizio, con ristorante e sale per riunioni e ricevimenti; ideale per chi non vuole esagerare con le stranezze.


In Svezia troviamo il Jumbo Stay Stockolm, ricavato dalla struttura di un Boeing 747 dismesso, tutto completamente restaurato per ospitare 31 stanze, centro business, sale per ricevimenti e terrazza: insomma su questo aereo vi sembrerà di volare!

Infine giungiamo ad Amsterdam per portarvi all’Hotel Godlfish: chi viaggia spesso e non sa mai dove lasciare il pesce rosso, allora troverà qui la giusta sistemazione. Si tratta di un immenso acquario, posizionato agli Arrivi dell’Aeroporto di Schiphol, fornito di tutti gli agi e le comodità per regalare anche al vostro pescetto un soggiorno bello ed adeguato alle sue esigenze; si possono riservare anche suite private e sono presenti un’ ottima ristorazione, spazi per lo svago e naturalmente la piscina; insomma un vero e proprio hotel di lusso: geniale!