Un viaggio di fine estate alle Bahamas: New Providence e Nassau

0
423
bahamas-isola-new-providence

bahamas-isola-new-providence

L’isola di New Providence è la più conosciuta delle Bahamas, perché qui si trova la capitale Nassau. Dire Nassau in pratica significa intendere tutta l’isola. New Providence riesce ancora a regalare al turista qualche “emozione coloniale”, in un contesto dove la massiccia invasione yankee ha quasi totalmente modificato l’aspetto dell’isola rendendola un grande parco divertimenti. Nassau è il volto più evidente di questo progressivo allontanamento dallo “stato naturale”. Città allegra, vivace, convulsa, Nassau è il cuore pulsante non solo dell’isola ma di tutte le Bahamas.
La stagione migliore per partire è di certo quella nostra invernale. In quanto i nostri mesi estivi corrispondono alla stagione più umida. Ma per chi come noi gode delle ferie soprattutto in Estate è consigliabile aspettare la partenza magari verso il mese di Settembre e se possibile Ottobre. Ma torniamo a parlare della nostra visita che non mancherà di stupirvi.

Nassau- Bay Street
La capitale è stata un porto rinomato per secoli, ma oggi non è più oggetto di incursioni di pirati ma di turisti benestanti che depositano i loro proventi e risparmi nelle banche del comodo paradiso fiscale (a Nassau c’è un banca in media ogni cinquecento abitanti). In una superficie di 207 chilometri quadrati, per una lunghezza di 38 e una larghezza di 11 chilometri, non tutto è Nassau, altre zone di sicuro interesse sono per esempio Cable Beach, a est della capitale, e Paradise Island, un isolotto situato proprio di fronte alla città. Comunque sia è da Nassau si inizia la visita dell’isola di New Providence. Il centro della città è compreso tra Prince George Wharf, molo d’attracco delle imbarcazioni da crociera, il lungo mare di Wooders Rogers Walk, Rawston Square, Market Street e Bay Street. Vi consigliamo di girare a piedi, occasione questa che vi consentirà di fare shopping. Intorno a Rawston Square si concentra un complesso di edifici coloniali in tinte bianche e rosa pastello come la House of Assembley, il Senato, la Court House ed altre costruzioni governative.
L’immancabile statua della regina Vittoria si trova proprio davanti alla Public Library, che con la sua base ottagonale era un tempo la prigione di Nassau, mentre a due passi sulla East Hill Street si possono ammirare i Royal Victoria Gardens. Non perdetevi la splendida architettura coloniale di inizio ottocento della Government House su George Street, e la Queen’s Staircase, una ripida scalinata che si apre tra piccole cascate e che conta ben 33 gradini scavati nella collina per oltre trenta metri. Le scale conducono a Fort Fincastle e alla Water Tower, dalla cui vetta si può ammirare uno splendido panorama. Non molto distante si trova la Junkanoo Art Gallery, che vi rivelerà quasi tutto quello che si deve sapere sul Carnevale delle Bahamas.

Ardasta Gardens- Flamingo rosa
Fuori dal centro della città, le mete più belle sono raggiungibili comodamente in taxi, fra queste vi segnaliamo: Fort Charlotte, il più grande delle Bahamas costruito tra il 1787 e il 1789; Ardasta Gardens, famosi per i bellissimi flamingo rosa; Coral Warld, una torre che scende per circa dieci metri sotto il mare e che permette di osservare l’affascinate vita sottomarina del Mar dei Caraibi; St. Matthew’s Anglican Church, la chiesa più vecchia delle Bahamas; l’affollatissimo centro turistico di Paradise Island e Lyford Cay, esclusivo paradiso dell’alta finanza, e i villaggi di Gambier Village, Adelaide, Coral Harbour, e il più grande di New Province, Fox Hill.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Scrivi il tuo nome qui