La festa di San Patrizio a Dublino: 17 marzo 2013

Sfilata San Patrizio

La festa di San Patrizio a Dublino è sicuramente una manifestazione fuori dal comune e così caotica e allegra da sembrare una sorta di grande Carnevale.
Bande, musicisti, majorette, auto d’epoca e reparti a cavallo seguiti da carri colorati e ballerini celtici e brasiliani.

Il fulcro dei festeggiamenti è sicuramente Dublino con il St. Patrick Festival che generalmente si prolunga oltre la giornata del 17 marzo, quest’anno inizierà infatti il 14 e terminerà il 18 marzo, e trasformarmerà la città in un’enorme sala da ballo e festa. Altre parate comunque molto seguite si tengono a Cork a Limerick e a Belfast.

san-patrizio festeggiamenti

La sfilata di San Patrizio del 17 marzo partirà daa Christchurch a O’Chonnell Street assolutamente incurante del tempo, la maggior parte delle volte inclemente. Il verde  decora tutta la città, assediata per un giorno dai turisti fin dalle prime ore del giorno.

La festa di San Patrizio era originariamente una festa religiosa, oggi anche se commemora annualmente il patrono d’Irlanda San Patrizio ha assunto un carattere internazionale, rappresentando principalmente la festa della cultura irlandese.

St-Patrick festeggiamenti

Per maggiori informazioni potete consultare il sito ufficiale del Saint Patrick Festival di Dublino

Vacanza in Irlanda: organizzare un itinerario.

L’Irlanda è sicuramente una delle mete più gettonate dagli amanti dei fly & drive in giro per l’Europa. Paesaggi incantevoli e cordialità della popolazione la rendono un paese delizioso da visitare tra folclore e bellezze naturali.
Primo punto a favore di una vacanza in Irlanda è sicuramente il fatto che è facilmente raggiungibile con numerosi voli low cost che collegano le città d’Italia e Dublino.
Secondo punto a favore sicuramente la particolarità dell’isola irlandese che con le sue particolari tradizioni, atmosfere e musica sembra un piccolo mondo a parte.

Irlanda

Nell’organizzare un itinerario in Irlanda considerate che è praticamente impossibile utilizzare i mezzi pubblici. Vi sarà indispensabile affittare un’auto: i mezzi pubblici, oltre ad avere un costo abbastanza elevato, non raggiungono tutte le zone che generalmente il turismo tocca. Inoltre con l’auto potrete toccare con mano la vera Irlanda passando attraverso i numerosissimi paesini dell’interno.
Altra cosa da considerare nell’organizzazione del vostro itinerario in Irlanda è la questione “Clima”. Non si sa mai cosa aspettarsi dal meteo irlandese, tenete quindi a portata di mano un ombrello, o meglio un k-way. Anche in estate portate sempre con voi una felpa, per improvvisi cambiamenti climatici, o anche per l’arrivo della sera.
Per il resto rassegnatevi, non state andando ai Caraibi quindi pioggerellina, nuvole e sole che si alternano sono cose da accettare come tipiche del posto.
Che tappe toccare? Proviamo a suggerirvi alcuni punti da toccare assolutamente nel vostro tour

Vacanze a Dublino

Dublino
Al vostro arrivo fermatevi una notte a Dublino, la capitale è una piccola città ma la sua struttura è incantevole. Fate un giro nel centro storico e vi accorgerete della vivacità della città e dei giovani che la vivono. Provate poi uno dei tanti pub del centro storico per un bel bicchiere di Guinness immancabile nel vostro itinerario in Irlanda.

La regione del Connemara

Connemara
Nel vostro itinerario non potete non comprendere la regione del Connemara. Si tratta di una regione selvaggia fatta di montagne, acque e pascoli. Zone assolutamente deserte e altre che fatte di un susseguirsi di terreni divisi da muretti a secco.
Se avete tempo fate anche un salto alle Isole Aran proprio di fronte a questa costa. L’isola più grande è perennemente battuta dal vento, alcune guide consigliano di girarla in bici, ma vi assicuro che se non siete degli sportivi l’itinerario potrebbe essere pesante. Arrivate comunque fino al Precipizio di Don Hugasa prima di tornare indietro (uno strapiombo di più di 200 mt da lasciare senza fiato).

Gallway
Gallway
Cittadina vivace e divertente può essere una tappa per una serata un pò più movimentata in mezzo a tanta pace dei paesaggi del Connemara.
Penisola del Dingle
La penisola del Dingle vi regalerà paesaggi unici fatti di montagne ripide e selvagge che cadono a strapiombo su ampie pianure che si buttano sul mare formando una costa fortemente frastagliata. Provate per la cena un altro dei pub della città di Dingle, si tratta sempre di luoghi economici con ottimo cibo e birra.
Ring of Kerry
Alcuni non sono molto attratti da questa zona probabilmente per il fatto che si tratta di una tappa di tutti i tour possibili in Irlanda, c’è anche chi vi si dirige direttamente da Dublino per una escursione giornaliera. Questo “affollamento” sicuramente stride un pò con i miti e tranquilli paesaggi irlandesi, ma il Ring of Kerry con i suoi paesini con casette dal tetto colorato merita comunque una menzione nel vostro itinerario in Irlanda.

Queste sono solo alcune delle zone possibili per un tour in Irlanda, ma comunque seguendole vi ritroverete a percorrere l’intera costa Irlandese vedendo almeno una parte delle cose stupende che l’Irlanda può mostrarvi e a questo punto potete iniziare ad organizzare la vostra vacanza in Irlanda e buon viaggio.

St. Patrick’s Day il Carnevale Irlandese

Tutto comincia con le parate delle bande e delle majorette, provenienti da ogni parte dell’Irlanda e del mondo, a seguire passano in rassegna le auto d’epoca e i militari a cavallo, infine si ammirano, tra colori e coriandoli, ballerini celtici e brasiliani. E’ questa la festa del St. Patrick’s Day ( Giorno di San Patrizio) a Dublino che festeggia il Carnevale con una kermesse che coinvolge bande, carri e migliaia di musicisti, che scorrono la città da Christchurch a O’Connell Street. Il 17 Marzo è il St. Patrick’s Day e questa è l’occasione unica ed irripetibile per festeggiare il Carnevale in tutta l’Irlanda.

Dalla Capitale ai piccoli villaggi, è un giorno di grande festa che si perpetua sin dalla notte dei tempi. Fino agli anni ’70 la tradizione prevedeva di divertirsi in famiglia dopo la messa di mezzogiorno, anche perchè i pub erano rigorosamente chiusi. Da qualche anno invece questa ricorrenza ha perso il suo spirito religioso per diventare un vero evento mondano collettivo, ricco di musica, danze e naturalmente epiche bevute di birra. Il fulcro delle celebrazioni si svolge a Dublino con il St. Patrick’s Festival, anche se parate e feste vengono organizzate nelle meno note, ma altrettanto belle, Cork, Limerick e Belfast.

A Dublino invece tutto si trasforma, e si organizza una settimana ricca di eventi e divertimenti senza precedenti, a conferma di quanto gli irlandesi siano legati a questa giornata. Viene allestito il Music Village, con concerti fino al 17 Marzo, giorno in cui le celebrazioni raggiungono l’apoteosi. Ma ci sono anche concerti di musica classica o la Funfair a Marrion Square con giocolieri e musicisti. La sera ci si ritrova tutti sul fiume Liffey per lo Skyfest per guardare col naso all’insù gli spettacolari fuochi d’artificio che illuminano le sponde.

Se volete festeggiare un Carnevale divertente ed originale, è in Irlanda che dovrete andare: il St. Patrick’s Day non è una festa come le altre.

Come e Dove si Festeggia il Natale nel Mondo

Buon Natale
Buon Natale

Un po’ per esperienza diretta e un po’ per raccontato… vorrei condividere alcune notizie curiose sul Natale in vari paesi, culture e tradizioni…

Se voliamo a Tokyo, l’agglomerato più grande del mondo, quindi pieno di contraddizioni, vediamo che il Natale ha assorbito l’aspetto commerciale e culturale europeo ed americano. Questo ha portato ad alcune situazioni che sono state definite ‘blasfeme’ quali l’allestimento di presepi con personaggi orientali e il Babbo Natale crocefisso in vendita nei mercati artigianali.

Natale a Dublino
Natale a Dublino

Torniamo nel vecchio continente per trovare a Dublino le suggestioni della tradizione: rappresentazioni teatrali in strada,  concerti, presepi, cori e narrazioni della natività. Di matrice cristiana e balli  tradizionali e le canzoni sono in piccole e grandi città e,  anche qui, come nella tradizione anglosassone, calze appese ai camini,  luci e canzoni popolari, Babbo Natale che porta i doni, dolci e cibi tradizionali. Ma particolare è l’usanza irlandese della cacia allo scricciolo il 26 dicembre. Secondo la tradizione Santo Stefano, nascosto dietro a un cespuglio  per fuggire ai suoi torturatori, fu tradito da uno scricciolo che volò proprio nel suo nascondiglio.  Ogni anno pertanto gruppi di uomini fingono di dare la caccia  e catturare  questo uccellino per poi portarlo, legato ad un bastone,  di porta in porta cantando e facendo l’elemosina.

Natale a Mosca
Natale a Mosca

Anche a Mosca Santo Stefano  era l’occasione di una particolare tradizione: venivano organizzate feste per i fidanzati nelle piazze dei villaggi con lancio di fiori e frutta; un po’ come da noi il lancio del bouquet della sposa nel giorno del matrimonio. Il giorno di Natale poi le ragazze in Russia salgono le scale piolo per piolo (alternando un sì e un no, un po’ il nostro sflogliare la margherita con ‘m’amam – non m’amam) per sapere se il fidanzamento è vicino

Natale in spiaggia
Natale in spiaggia

Ora spostiamoci in Australia, una delle prime a festeggiare per il fuso orario. Natale arriva a Sydney nella stagione più calda, in spiaggia o sotto l’ombrellone: ciò non toglie che la tradizione inglese sia rimasta praticamente intatta: la famiglia si riunisce per preparare il doce natalizio come tradizione di solidarietà e propiziatorio per un buon nuovo anno,  si gustano menu tipici dei climi rigidi e anche Santa Klaus arriva con la sua slitta trainata da renne

Vorrei concludere con l’America Latina. In Messico, ad esempio, i 9 giorni che precedono il Natale (chiamati las navidades) sono l’occasione di celebrazioni religiose in tutte le chiese. Questi 9  giorni stanno a simboleggiare la gravidanza di Maria.  A conclusione di questo perido inizia una breve  rappresentazione : una coppia (Giuseppe e Maria)  bussano ad una porta chiusa tenendo una candela accesa in mano. Giuseppe e Maria sono alla ricerca di un ricovero. Dopo qualche indugio i padroni di casa offriranno ricovero  alla stanca coppia.

In Brasile le differenti culture, frutto delle immigrazioni dall’Africa e delle colonizzazioni cattoliche hanno portato a forme religiose molto particolari che mettono in relazioni santi cristiani e gli spiriti delle religioni africane.

Spero che  qualcun altro aggiunga presto altre curiosità…