Dove andare in vacanza nell’estate 2014?

L’estate 2014 è una stagione d’oro per eventi sportivi musicali e culturali. Se vi state scervellando per riuscire a capire dove andare in vacanza questa estate avrete un bel pò di scelta.

fortaleza-1-Prima destinazione sicuramente il Brasile. Non poteva essere altro considerando che ha ospitato i mondiali di calcio 2014. I turisti da quest’anno al 2016, quando ospiterà anche le Olimpiadi, si riverseranno sulle sue spiagge, ad ammirare le sue bellezze naturali come il parco di Fernando de Norona, ma anche nelle sue più famose città Recife, Fortaleza, Recife e via dicendo.

antartide-2-Antartide. Perchè questa “strana” meta? Semplice: lo sapevate che il 2014 è l’anniversario dell’esplorazione dell’Antartide. Potrebbe essere un’idea originale ripercorrere il tragitto di Ernest Shackleton.

lago LochNess Scozia 3- Scozia. In Scozia il 2014 è l’anno dell’Homecoming Scotland. In quest’anno gli scozzesi in giro per il mondo puntano la madrepatria per un ritorno alle origini ed il paese li accoglie con una serie di fiere feste ed eventi a non finire.

Umea Sweden24- Svezia. In Svezia Umea, città del nord del paese, è stata nominata capitale della cultura 2014 e per questo sono molti gli eventi culturali in programma.

malawi5- Malawi. Malawi è considerata un’alternativa low cost ad un viaggio in Sud Africa con il pregio ulteriore di incontrare meno turisti. Un consiglio sicuramente è visitare la Majete Wildlife Reserve per avvistare i big five.

seychelles6- Seychelles. Un paradiso nell’oceano Indiano fatto di resort di lusso mare cristallino e natura rigogliosa. La cosa positiva è che sono isole adatte a tutto l’anno.

bruges7- Belgio. Eternamente sottovalutato dai turisti, ma che racchiude nella sua “piccolezza” un gran numero di città gioiello tra le quali sicuramente Bruges.

Malesia8- Malesia. Ogni anno il turismo in Malesia cresce in modo sconvolgente: ormai 28 milioni di persone all’anno si recano in Malesia per visitarlo. Le città più importanti della Malesia si stanno sviluppando quartieri moderni e attrezzati…anche se comunque i vecchi quartieri continuano ad avere il loro fascino unico.

Consigli per un viaggio in Brasile

Il Cristo redentore

Se andate in Brasile per le sue spiagge fantastiche, per esplorare le zone umide e verdi e la lussureggiante foresta pluviale amazzonica, o desiderate godere della vita notturna di Rio de Janeiro, una cosa è certa, non avrete mai un momento di noia in questo meraviglioso paese.

Come ogni viaggio internazionale anche il Brasile ha una propria serie di cose da fare e non fare. Quindi, al fine di aiutarvi a rendere questo viaggio indimenticabile, rilassante, confortevole e conveniente, è necessario tenere certe cose in mente.

Nella sezione seguente, vi suggeriremo che cosa esattamente è necessario fare, prima di partire per il Brasile.
Per iniziare bisogna sapere che per entrare nel paese è necessario essere in possesso di un visto turistico il visto.

Oltre al visto, è necessario anche tenere a mente le norme doganali e dei regolamenti per la patente di guida (controllare se la patente di guida è valida per essere usata per guidare in Brasile), sui negozi duty-free , il meteo e clima, il cambio valuta, ecc. Tutte queste cose devono essere prese in considerazione per un viaggio tranquillo e rilassante.

Brasile: i visti
Il Brasile segue una politica di relazioni reciproche con quasi tutti i paesi per il rilascio dei visti. Ci sono alcuni paesi che sono esenti da questa regola e i loro cittadini possono entrare nel paese con solo una carta d’identità e possono rimanere per circa 90 giorni. Dal momento che si stanno facendo piani per un viaggio in Brasile, sarebbe saggio sapere se avete bisogno di un visto, o siete cittadini di uno dei paesi che rientrano nella deroga. Le stesse regole si applicano per i bambini se viaggiano con la famiglia. Una volta ottenuto verificare per quanti giorni il visto è valido.

La vaccinazione per i viaggiatori
Sebbene la vaccinazione contro la febbre gialla non sia necessario prima di partire per il Brasile (al momento della stesura di questo articolo), ci sono alcune aree endemiche in Brasile, che potrebbero influenzare la decisione. Se avete intenzione di viaggiare in una di queste aree, allora la vaccinazione (febbre gialla, la difterite, tetano, poliomielite, febbre tifoide, epatite A e B) è obbligatoria. Ci sono anche rischi per la salute, come la malaria e la dengue nel bacino amazzonico. Per quanto riguarda i bambini se sono di età compresa tra 3 mesi a 6 anni hanno bisogno di una vaccinazione contro la polio.

Uno di più grandi fiumi del mondo

Comunicazione in Brasile
Durante la ricerca di informazioni per un viaggio in Brasile, ricordate che è necessario essere a conoscenza delle lingue parlate in Brasile. Il Portoghese, come forse sapete, è la lingua ufficiale parlata nel paese. I residenti in Brasile parlano anche Nheengatu, inglese, spagnolo nella maggior parte dei luoghi turistici. Anche se ci sono altre lingue minoritarie, tra inglese spagnolo dovreste arrivare a comunicare con tutti. Imparare alcune frasi e la pronuncia non sarà così male.

Il periodo migliore per recarsi in Brasile
Dal momento che il paese è enorme, le temperature variano da una regione all’altra. Tenete presente però che la zona nord del Brasile è nell’emisfero Boreale e la parte sud in quello australe quindi potrete trovare grandi variazioni di temperatura se decidete di viaggiare tra il nord e il sud del paese.

Vacanze in Brasile

Non vi resta che scegliere le destinazioni da vedere, prenotare i vostri hotel in Brasile e partire.

Copacabana, la regina delle spiagge

Tra le spiagge più belle del mondo non può mancare la famosissima, e per molti la migliore, spiaggia di Copacabana a Rio de Janeiro. Di certo questa spiaggia è famosa in tutto il mondo, moltissimi sono stati i film che ne hanno immortalato la bellezza, che ne hanno costruito e tramandato ai posteri il mito. Un sondaggio del sito AskMen.com ha però sfatato ogni dubbio: la spiaggia di Copacabana a Rio de Janeiro è, in assoluto, la più bela del mondo.

Circa 5 milioni di utenti del sito americano l’hanno incoronata come spiaggia dei sogni, seguita dalle spiagge dei Caraibi, dalle ugualmente meravigliose spiagge di Cancun in Messico e dalle esotiche e lontane spiagge di Waikiki nelle Hawai. La spiaggia di Copacabana ha distanziato tutti i suoi concorrenti per il suo paesaggio unico al mondo, davvero mozzafiato, per il connubio tra il suo paesaggio tipicamente urbano e quello naturale. Di certo molto avrà aiutato anche la bellezza delle ragazze locali.

Per chi parte dall’Italia e stesse pensando di organizzare le sue prossime vacanze proprio in questo angolo di paradiso, bisogna dire che le meraviglie di Copacabana non sono proprio dietro l’angolo ma, tra voli low cost, last minute degli hotel e offerte speciali, di certo arrivare in Brasile non è più una cosa per pochi.

Per chi volesse saperne di più può trovare molte informazioni su questi siti:

Copacabana (Rio_de_Janeiro)

2016, Giochi Olimpici a Rio De Janeiro

Buona vacanza a tutti

Come e Dove si Festeggia il Natale nel Mondo

Buon Natale
Buon Natale

Un po’ per esperienza diretta e un po’ per raccontato… vorrei condividere alcune notizie curiose sul Natale in vari paesi, culture e tradizioni…

Se voliamo a Tokyo, l’agglomerato più grande del mondo, quindi pieno di contraddizioni, vediamo che il Natale ha assorbito l’aspetto commerciale e culturale europeo ed americano. Questo ha portato ad alcune situazioni che sono state definite ‘blasfeme’ quali l’allestimento di presepi con personaggi orientali e il Babbo Natale crocefisso in vendita nei mercati artigianali.

Natale a Dublino
Natale a Dublino

Torniamo nel vecchio continente per trovare a Dublino le suggestioni della tradizione: rappresentazioni teatrali in strada,  concerti, presepi, cori e narrazioni della natività. Di matrice cristiana e balli  tradizionali e le canzoni sono in piccole e grandi città e,  anche qui, come nella tradizione anglosassone, calze appese ai camini,  luci e canzoni popolari, Babbo Natale che porta i doni, dolci e cibi tradizionali. Ma particolare è l’usanza irlandese della cacia allo scricciolo il 26 dicembre. Secondo la tradizione Santo Stefano, nascosto dietro a un cespuglio  per fuggire ai suoi torturatori, fu tradito da uno scricciolo che volò proprio nel suo nascondiglio.  Ogni anno pertanto gruppi di uomini fingono di dare la caccia  e catturare  questo uccellino per poi portarlo, legato ad un bastone,  di porta in porta cantando e facendo l’elemosina.

Natale a Mosca
Natale a Mosca

Anche a Mosca Santo Stefano  era l’occasione di una particolare tradizione: venivano organizzate feste per i fidanzati nelle piazze dei villaggi con lancio di fiori e frutta; un po’ come da noi il lancio del bouquet della sposa nel giorno del matrimonio. Il giorno di Natale poi le ragazze in Russia salgono le scale piolo per piolo (alternando un sì e un no, un po’ il nostro sflogliare la margherita con ‘m’amam – non m’amam) per sapere se il fidanzamento è vicino

Natale in spiaggia
Natale in spiaggia

Ora spostiamoci in Australia, una delle prime a festeggiare per il fuso orario. Natale arriva a Sydney nella stagione più calda, in spiaggia o sotto l’ombrellone: ciò non toglie che la tradizione inglese sia rimasta praticamente intatta: la famiglia si riunisce per preparare il doce natalizio come tradizione di solidarietà e propiziatorio per un buon nuovo anno,  si gustano menu tipici dei climi rigidi e anche Santa Klaus arriva con la sua slitta trainata da renne

Vorrei concludere con l’America Latina. In Messico, ad esempio, i 9 giorni che precedono il Natale (chiamati las navidades) sono l’occasione di celebrazioni religiose in tutte le chiese. Questi 9  giorni stanno a simboleggiare la gravidanza di Maria.  A conclusione di questo perido inizia una breve  rappresentazione : una coppia (Giuseppe e Maria)  bussano ad una porta chiusa tenendo una candela accesa in mano. Giuseppe e Maria sono alla ricerca di un ricovero. Dopo qualche indugio i padroni di casa offriranno ricovero  alla stanca coppia.

In Brasile le differenti culture, frutto delle immigrazioni dall’Africa e delle colonizzazioni cattoliche hanno portato a forme religiose molto particolari che mettono in relazioni santi cristiani e gli spiriti delle religioni africane.

Spero che  qualcun altro aggiunga presto altre curiosità…

Per Natale si viaggia

vacanze-natale-neve-2008

L’abbondanza di neve fa migliorare le vendite delle agenzie di viaggi.
Per Natale, nonostante la crisi economica si prevede un aumento delle vendite per le agenzie di viaggio. Le prenotazioni si concentrano tutte quasi per il periodo delle Feste Natalizie, questo grazie anche alle forti nevicate delle ultime settimane che hanno riacceso il mercato delle vacanze sulla neve. Le date più affollate sono quelle vicino al Capodanno e all’Epifania.
I dati fanno risaltare un notevole aumento in confronto al 2007. Questo lo confermano anche le Associazioni e le Federazioni del settore, meravigliati addirittura dalla notevole differenza dalla campagna sciistica dello scorso anno.
Altro dato positivo, in un mare di dati negativi che questa crisi sta creando ogni giorno di più, sono il tutto venduto dei voli Low Cost.
Le destinazioni più vendute sono state le capitali Europee, in vetta Praga, Amsterdam, Parigi e Berlino.

E poi anche un buon numero di prenotazioni per i Mari Caldi, Caraibi, Thailandia, Brasile, Messico, Argentina. Non poteva mancare il classico Natale a New York, dove da varie interviste dentro gli aeroporti scopriamo che per molti viaggiatori non è il primo Natale che trascorrono a New York, ormai sta diventando tradizione per molti.

Quindi si continua a viaggiare, si continua ad andare sulla neve, si continua ad andare oltre oceano anche se siamo circondati da un’ondata di malumore e di ristrettezze finanziare dovute alla crisi economica mondiale. Il cittadino medio europeo non si fa mancare la sua vacanza invernale.
Diciamo che oggi tramite i nuovi strumenti come internet, organizzarsi un viaggio a prezzi bassi è possibile, mentre per tutti gli altri prodotti la tendenza è sempre quella al rialzo.
Quest’anno che hai ricevuto per regalo? Un viaggio :o)

vacanze-natale-tropici-2008