Pasqua in Sicilia: tra le antiche tradizioni di Trapani.

La Sicilia è la regione italiana dove si sente maggiormente il retaggio con le antiche tradizioni che non perdono seguaci, anzi, si rafforzano di anno in anno, mantenendo il fascino e la bellezza di una volta.

Trapani è l’essenza stessa di questo passare del tempo nell’immobilità della sua immagine e delle sue tradizioni. Il tempo scorre, ma Trapani rimane una città del popolo piuttosto defilata rispetto alle città siciliane che maggiormente attirano turismo, eppure assistere ai riti senza tempo della settimana santa a Trapani può essere una esperienza unica.

Processione dei Misteri

A Trapani, ogni giorno del venerdì Santo, prende il via una manifestazione che potremmo definire il cuore della Pasqua in Sicilia: la Processione dei Misteri.
Ormai dal 1600, senza quasi nessuna interruzione, le statue raffiguranti la Passione e la Morte di Cristo vengono portate per le strade della città a spalla dai rappresentanti dei ceti, soprattutto percorrono Via Garibaldi e Corso Vittorio Emanuele, quelle che una volta erano la Rua Nova e la Rua Grande.

Processione dei Misteri

Alle origini si contavano 6 distinti gruppi sacri, oggi si è arrivato a distinguerne ben 20. Il Mistere più antico è quello dell’Ascesa al Calvario, tutti comunque sono la massima espressione dell’artigianato di Trapani.
Tutti gli anni la processione ha inizio alle 14,00 del Venerdì Santo. Il tutto dura circa 24 ore, fino alle 13,00, circa, del giorno successivo quando l’ultima statua entrerà nella Chiesa del Purgatorio.
Molto suggestivo sicuramente l’arrivo dell’alba, quando la processione si trova all’incirca all’altezza del porto.

Sicuramente si tratta della più lunga processione che si può ammirare in Italia ed è da considerare una delle più antiche, parteciparvi può essere molto suggestivo per il misto di religiosità e folclore che si arriva a respirare.

Trapani
Andare a Pasqua a Trapani per la Processione dei Misteri può essere molto interessante anche perché la città stessa può offrire molto ai suoi visitatori.
Le stesse vie della processione sono stupende ed immerse nei fasti di un tempo. Via Garibaldi rappresenta la strada che, tra due file di case patrizie, conduce alla città vecchia dal cuore barocco. Anche Corso Vittorio Emanuele ai suoi lati è ricco di antichi palazzi di ricche famiglie, tra questi Palazzo Manzo, Palazzo Adragna, Palazzo Riccio e Palazzo Berardo Ferro.
E’ proprio Corso Vittorio Emanuele la strada dello “struscio”, la via dello shopping, ma anche la strada dove fermarsi per un happy hour in un locale di tendenza.

Per godere di una prospettiva nuova potete dirigervi verso le Mura di Tramontana che un tempo rappresentavano la cinta muraria difensiva della città costruita ai tempi degli Aragonesi. E’ proprio dalle Mura di Tramontana che si raggiunge la Torre di Ligny costruita proprio alla punta estrema della città e dalla quale si può godere di una vista unica sulla città di Trapani.

Dopo la vista dall’alto potete dirigervi verso il ricco centro storico nel quale il maggior tesoro è costituito dall’infinità di chiesette estremamente preziose. La Chiesa del Purgatorio è sicuramente la centrale, dato che custodisce i Misteri tutto l’anno. Sono stupende, comunque, anche la chiesa di Sant’Agostino e la Cattedrale di San Lorenzo o la Chiesa del Collegio dei Gesuiti.
Camminate comunque tra i vicoli scoprendo stupende architetture e botteghe artigiane, ristoranti tipici e l’aria calda e intima di Trapani città di un tempo.

 

Alla ricerca di una vacanza al mare low cost

Un tempo scegliere una vacanza era difficile perchè difficile era mettere d’accordo più teste, oggi a questa difficoltà si sono aggiunte le immancabili difficoltà economiche e anche le destinazioni ormai diventate tabù per disordini politici e sociali.

Volendo comunque ancora è possibile organizzare una vacanza al mare low cost, a volte accontentandosi di destinazioni meno gettonate, altre volte evitando i periodi di super alta stagione. Eppure aguzzando l’ingegno e documentandosi è ancora possibile dedicarsi a vacanze che rimangano nel giusto budget.

riviera romagnolaPartiamo dalla mete italiane e soprattutto dalla Riviera Romagnola. Sì! In effetti è inutile nascondere che qui il mare non è proprio un sogno, ma sicuramente l’organizzazione, i servizi ed i divertimenti sono tantissimi e di alto livello, ed una vacanza sulla Riviera Romagnola è l’ideale per i giovani alla ricerca di caos, come anche per le famiglie con bambini al seguito.

I prezzi, anche in alta stagione, in questa zona, riescono a mantenersi a livello adeguato e le strutture in genere offrono anche la pensione completa ed in alcuni casi anche il servizio spiaggia a prezzi contenuti. Se cercate mare più cristallino potete puntare la Puglia e la zona del Gargano. Si tratta della parte più facilmente raggiungibile della Puglia e anche la parte in cui i prezzi si sono mantenuti più abbordabili, non solo per le strutture, ma anche per i ristoranti ed i locali.

pantelleriaTra le isole d’Italia sicuramente le isole della Sicilia sono tra le più apprezzate, anche se in alta stagione i collegamenti non sono particolarmente convenienti, ma tra le varie isole mi sento di consigliarvi Pantelleria, uno degli ultimi baluardi dello stato italiano prima delle coste Africane.

L’isola offre mare cristallino e calette indimenticabili ed un prezzo decisamente inferiore a quello della vicina Lampedusa che soffre anche di più del problema dell’immigrazione.

Sempre nel mediterraneo, andiamo in Spagna, dove troverete un’infinità di isole tra le quali scegliere: vi nomino per esperienza sicuramente Maiorca per la quale è passibile partire prenotare voli low cost (come anche per Minorca) oppure acquistare un pacchetto viaggi con volo e hotel risparmiando spesso un bel po con la prenotazione anticipata o con il last minute. La Spagna offre anche altre opportunità per una vacanza al mare economica, direttamente nell’Oceano Atlantico, nelle sue splendide e tutte diverse isole delle Canarie. Passare le  vacanze a Fuerteventura è la scelta secondo me migliore, sia perchè offre un clima eccezionale, un mare con acque cristalline e spiagge bianche, sia per i prezzi molto accessibili per prenotare le proprie vacanze, sia per il fai date online che per chi acquista un pacchetto completo in agenzia.

portoroseVicino all’Italia e dal livello decisamente low cost è il mare della Slovenia che per gli abitanti del nord è raggiungibile anche con l’auto.

Forse si tratta di una zona non ancora gettonatissima ma Portorose va segnalata perchè qualche anno fa ha anche ottenuto la Bandiera Blu e anche se decidete di optare per una struttura di lusso potrete risparmiare sui costi giornalieri del servizio spiaggia o dei ristoranti o dei locali.

Un pò più distante e non ancora affollatissima di turisti è Madeira un’isola portoghese dal clima decisamente mite e dalla natura incontaminata grazie ai grandi spazi coperti da area protetta.

Torniamo nel mediterraneo perchè anche volendo puntare la Grecia avete molte alternative, ma un’opzione, anche in questo caso non affollatissima, è Cipro. Al sud dell’isola sono varie le strutture attrezzate in genere prese di mira da inglesi e scandinavi.

Vacanza al mare alle Eolie: 7 isole in 7 giorni

Le isole Eolie sono un patrimonio mondiale della nostra penisola entrate tra i Patrimoni dell’Unesco e che, per noi italiani sono sicuramente una meta insostituibile e raggiungibile con poca fatica.

Si tratta di sette isole, non particolarmente ampie, tutte vulcaniche e dal mare cristallino dal quale affiorano scogli e piccoli isolotti disabitati, ma paradisiaci. Essendo tutte nello stesso tratto di mare e raggiungibili con piccoli spostamenti, in molti decidono di spostarsi tra un’isola e l’altra, magari anche noleggiando in gruppo una barca a vela.

Il famoso tour 7 isole in 7 giorni è ormai un must per chi passa le vacanze al mare in queste meravigliose isole, e anche se vi può sembrare massacrante, viaggiare di notte e darsi alla visita durante il giorno può essere molto interessante. Vediamo insieme come ridurre i tempi analizzando isola per isola cosa non dovete assolutamente perdere:

alicudi -1-Alicudi. Ad Alicudi si arriva in traghetto da Napoli o Palermo e ci si ritrova su un’isola vulcanica piuttosto spartana dove non girano macchine e i centri abitati sono concentrati in piccoli borghetti lungo il mare. Le spiagge non sono di certo sabbiose ma prevalentemente di ciottoli e scogli.

filicud2- Filicudi. E’ l’isola degli 8 vulcani…tutti spenti. Alcuni villaggi lungo la costa sono abitati esclusivamente in estate, come ad esempio Stimpagnato. L’attrazione principale di Filicudi è conosciuta in tutto il mondo ed è la Grotta del Bue Marino che sicuramente non potete perdere. Se non siete in crociera potete raggiungere Filicudi in Aliscafo partendo da Milazzo da Lipari oppure da Vulcano.

Lipari

3- Lipari. Lipari è sicuramente l’isola più grande delle Eolie. A differenza di quello che succede ad Alicudi eilicudi qì l’attività vulcanica è ancora attiva e attira molti turisti grazie alle sue fumarole come anche ai suoi centri termali come Terme di San Calogero. E’ bello visitare il centro storico dominato dal castello, ma con molti altri edifici storici di epoche diverse visitabili. All’isola si arriva da Napoli, Palermo, Milazzo e Reggio Calabria e sull’hotel è possibile trovare numerosi hotel, affittacamere, appartamenti e campeggi.

Salina

4- Salina. Salina per grandezza segue a ruota Lipari. Tra le Eolie ha invece il primato di fertilità, è facile infatti trovare piantaggioni di uva per la produzione della Malvasia. Tra le spiagge dell’isola di Salina la più famosa è sicuramente quella di Pollara, ma molto apprezzata è anche la spiaggia dello Scario come anche quella di Santa Maria, tra le migliori spiagge in Sicilia.

panarea

5- Panarea. Panarea è l’isola in miniatura delle Eolie, in passato entrata nelle cronache per essere l’isola del turismo vip. Ancora oggi rimane la più turistica.

stromboli

6- Stromboli. Apprezzato per l’attività vulcanica piuttosto vivace vede affollarsi di turisti che vogliono ammirare una delle numerosi eruzioni che si susseguono a scadenza oraria. Nonostante il vulcano attivo, l’isola è abitata e ha i suoi centri abitati più vivaci in San Vincenzo e Ginostra. L’isola si dedica soprattutto al turismo poco confusionario ed è adatta a chi cerca tranquillità. Pensate che i locali hanno l’obbligo di spegnere la musica alle 2 di notte.

vulcano

7- Vulcano. Anche Vulcano ha un vulcano attivo (scusate la ridondanza di parole) del quale si possono ammirare fumarole e sorgenti di vapore. Tutte le spiagge sono di sabbia nera e tra le più apprezzate sicuramente segnalo la Spiaggia del Gelso, una baietta nascosta decisamente deliziosa.

Come arrivare in Sicilia low cost?

destinazioni in Sicilia

Tutti i grandi viaggiatori della storia sono passati per la stupenda isola della Sicilia: Enea, Ulisse, ma anche Garibaldi o Goethe.

Oggi ancora l’isola è raggiunta ininterrottamente da turisti da tutta Italia, ma anche dal resto d’Europa e dal mondo.

Unico piccolo e indiscusso problema è come arrivare in Sicilia…e soprattutto come arrivare in Sicilia low cost? Le alternative sono molte, ma comunque vale per tutte il consiglio di organizzare con un certo anticipo il vostro viaggio per non veder lievitare eccessivamente i prezzi. La Sicilia si conferma una destinazione conveniente anche d’estate

sicilia in aereo

1- Arrivare in aereo in Sicilia.

Sicuramente la via più veloce per arrivare in Sicilia è prendere un aereo. Gli aeroporti più importanti e trafficati della Sicilia sono quelli di Palermo, Catania e Trapani e spesso si possono trovare interessanti offerte low cost. La Ryanair che atterra su Trapani offre sempre numerose quote speciali. Quote interessanti si trovano anche con la Meridiana che oltretutto offre interessanti sconti ai residenti.

traghetto sicilia

2- Arrivare in Sicilia in nave.

La Sicilia è raggiungibile via mare da numerose destinazioni: Napoli, Roma, Malta, Salerno, Cagliari e Livorno. Le quote delle navi in alta stagione possono raggiungere prezzi piuttosto alti quindi vi conviene consultare le offerte fin da subito, oppure optare per la traversata breve dello stretto di Messina. In quest’ultimo caso con la Caronte o con la Meridiano Lines si possono acquistare passaggi ponte tra i 37 e i 45 €.

pullman sicilia

3- Arrivare in Sicilia in Bus.

Molti adorano il viaggio via terra, ma non hanno voglia di guidare tanti chilometri, in questo caso le alternative sono due: il bus o il treno. Molte compagnie di autobus arrivano in Sicilia partendo da varie città d’italia. Una delle compagnie di bus più utilizzate è la Sais Autolinee: con la Sais ad esempio si può fare la tratta da Roma a Palermo spendendo sotto i 50 €.

sicilia treno

4- Arrivare in Sicilia in Treno.

Ultima opzione via terra è sicuramente il treno. Purtroppo gli scomodi interregionali sono l’unica alternativa per la Sicilia. Arrivati sull’isola dovete poi decidere se noleggiare un’auto o magari continuare su rotaie utilizzando la Circumetnea o altri treni che si spostano tra i grandi capoluoghi siciliani.

Alla “Ri…scoperta” della Sicilia

Perchè trascorrere le vacanze estive in Sicilia?

1)  E’ la più grande isola del Mediterraneo, può quindi offrire un enorme varietà di località turistiche da scegliere a diversi costi e alla portata di tutti pur senza dover rinunciare al comfort.

2)  La bellezza che contraddistingue la Sicilia la rende unica, in questa terra si possono trovare paesaggi indimenticabili, vera attrazione per gli amanti della natura e del mare, si potranno infatti intraprendere passeggiate mozzafiato fino alle pendici dell’Etna o per gli appassionati degli sport acquatici è possibile effettuare delle fantastiche immersioni.

3)  Ma è anche molto di più di un tipica vacanza marittima, si può viaggiare infatti lungo un itinerario fatto di sentieri d’arte riscoprire quindi le meravigle archeologiche di un antico ma pur sempre affascinante passato, come la Valle dei Templi ad esempio o molti altri luoghi riconosciuti patrimoni dell’Unesco.

4)  Il clima, mite tutto l’anno, dà la possibilità a tutti coloro che desiderano trascorrere le proprie vacanze in Sicilia  di avere a disposizione un periodo molto più lungo per la scelta del periodo e della stagione potendo accontentare e andando incontro a tutte le esigenze.

La Guida Blu premia le migliori località balneari d’Italia

Se state cercando le spiagge più pulite del nostro paese, sicuramente questa notizia fa per voi. La Guida blu, presentata da Legambiente e Touring Club italiano, ha stilato la lista delle località di mare considerati eccellenti per quanto riguarda la pulizia dell’acqua, la qualità dei servizi, l’offerta enogastronomica, il patrimonio artistico e culturale del territorio.
La Guida blu presenta le varie località assegnando ad ognuno un numero di vele (da 1 a 5) in base ai criteri che abbiamo elencato. Per cui troveremo località con 1 vela, per un servizio mediocre, e località che hanno ricevuto 5 vele, che rappresentano le località marittime o lacustri migliori. Anche quest’anno la vincitrice indiscussa è Pollica, in provincia di Salerno, nel cuore del Cilento, paese che conta duemila anime.

Pollica è un esempio per come ha coniugato la cura dell’ambiente con le esigenze del mercato turistico locale. Subito dopo in classifica troviamo l’Isola di Salina, con i suoi tre comuni: Santa Marina Salina,Leni e Malfa, nel cuore dell’arcipelago delle Eolie, in provincia di Messina. A conquistare la media regionale più alta è la Sardegna, con le sue 3.51. Troviamo poi alcune new entry della classifica, tra cui la Basilicata; perde una bandiera, da 5 a 4, il territorio delle Cinque Terre in Liguria. La Sicilia conquista 5 vele con Noto e San Vito Lo Capo. Davvero l’imbarazzo della scelta per le migliori spiagge del nostro paese.