Cosa fare gratis a Barcellona?

la ramblaSicuramente Barcellona è la tipica tappa da vacanza low cost senza nessuna rinuncia al divertimento o alla voglia di cultura. Barcellona è tutto: cuore della movida spagnola, città in riva al mare, città di shopping e anche città di Gaudì con numerosi edifici e opere del grande artista.

Ma soprattutto Barcellona ha qualcosa che a nessuno in tempo di crisi dispiace: ha tantissime cose da fare gratuitamente. Volete qualche consiglio su cosa fare gratis a Barcellona? Non c’è problema, ma mettetevi comodi perchè le alternative sono molte.

Tanto per iniziare si può partire dal tratto di strada più amato dai ragazzi: La Rambla. Si tratta di un chilometro di strada affiancato da edifici storici, negozi e affollato di artisti di strada (conosciuti in tutto il mondo). Passiamo agli intrattenimenti per gli amanti della cultura perché anche per questa fascia di turisti potrà risultare ampiamente soddisfatta dall’offerta gratuita di Barcellona.

Un esempio è il museo Picasso: potrete visitarlo gratuitamente tutte le domeniche dalle 15,00. Stessa cosa e stesso orario anche per il museo di storia di Barcellona.

La prima domenica del mese poi potete entrare gratuitamente tutto il giorno al già menzionato Museu Picasso, al Museu Nacional d’Art de Catalunya, al CaixaForum e al Centre de Cultura Contemporània de Barcelona.

Numerose in giro per la città potrete poi imbattervi in opere di Mirò, l’ingresso al museo ha il costo di 11€, ma ci sono numerose opere gratuite in città anche su La Rambla.

Nelle giornate di sole, nelle ore calde, un pò di relax può essere un’alternativa gratuita interessante: basta recarsi presso il Parco della Ciutadella, magari sarete tanto fortunati da poter ammirare anche uno dei tanti concerti gratuiti che vengono svolti quì.

Non potete mancare una passeggiata lungo le stradine del quartiere storico della città, il Barrio Gotico. Nel cuore del Barrio poi potrete imbattervi in una struttura di importante rilevanza architettonica: la Cattedrale.

Stupenda esternamente è uno spettacolo anche all’interno dove potrete entrare gratuitamente la mattina presto o nel tardo pomeriggio. Numerosi in giro per la città sono esempi di architettura modernista.

Potreste passare ore ad ammirare l’opera incompiuta di Gaudì, naturalmente gratuitamente, come anche il vicino Hospital de la Santa Creu i de Sant Pau addirittura protetto dall’Unesco. Un consiglio ulteriore è una passeggiata nello storico mercato de La Boqueria.

Non si tratta di un semplice mercato, ma di un vero trionfo di colori, odori e prodotti freschi. Un consiglio per una pausa rinfrescante è sicuramente acquistare una bella macedonia fresca al mercato o magari un succo appena preparato anche solo a 1 euro.

D’estate poi perchè non dedicarsi a qualche ora di mare? La spiaggia di Barcellona è vicina e animata di giovani a qualsiasi ora del giorno. Ho riempito il vostro week end a Barcellona con abbastanza cose da fare gratis in città? Spero di sì, ma sicuramente troverete molte altre cose da fare gratis e magari farmele anche conoscere. Intanto vi auguro una buona vacanza a Barcellona.

Barcellona in due giorni

 

Solo due giorni a disposizione e un infinità di cose da vedere. Questa la problematica in cui si incappa quando ci si appresta a trascorre un breve week-end a Barcellona, una città a dir poco meravigliosa che può offrire ai suoi ospiti un innumerevole patrimonio di cose da fare e da vedere, tenendoli occupati per periodi molto più lunghi.

Cerchiamo comunque di consigliarvi il modo migliore per ottimizzare il breve tempo messo a disposizione da un week-end.

Un palazzo tipico di Barcellona

Per prima cosa la scelta di un albergo a Barcellona, deve essere il più possibile strategica, stiamo parlando di una metropoli, quindi evitare di impiegare troppo tempo in eventuali spostamenti lascerà sicuramente più spazio alla scoperta delle bellezze di questa città.

Fortunatamente di hotel, bed & breakfast, pensioni e alloggi o sistemazioni varie Barcellona ne è piena, se ne possono trovare di tutti i gusti e per tutte le tasche, quindi prenotare il vostro hotel a Barcellona nelle vicinanze dei principali punti di interesse è decisamente la base da cui partire.

Primo giorno:

La famosa via di Barcellona

 

Il nostro itinerario di Barcellona non poteva non cominciare dalle Ramblas. Un viale di tre km circa cha va da Piazza della Catalunya fino al Porto Vecchio, procedendo per questa strada a circa metà del tragitto si incontra il Barrio Gotico (il quartiere gotico), un area dove si respira la vera storia della città, il suo nome nasce dalla presenza, all’interno del quartiere di diversi monumenti in stile gotico a testimoniare l’importanza di un glorioso passato, forse una delle zone più caratteristiche della città dove vale veramente la pena soffermarsi un po.

Appena riprendete la Rambla e assolutamente d’obbligo entrare nella Boquiera il più grande e famoso mercato di Barcellona e della Spagna, uno dei più visitati del mondo, la Boquiera detto anche Mercat San Josep rappresenta il più nitido esempio di mercato popolare catalano.

Usciti da questo luogo non vi resta che dirigervi verso il Porto Vecchio, qui potrete godere a pieno del fascino della nuova zona commerciale chiamata Maremagnum, dove attrazioni, divertimenti e locali rappresentano sicuramente il piatto forte.

Secondo giorno:

La principale opera di Gaudì

E’ arrivato il momento di scoprire la Barcellona di Gaudì, il celebre artista che ha contribuito notevolmente a rendere celebre questa città. Questo percorso non può non iniziare che con La Sagrada Familia, emblema della città, il capolavoro incompiuto dell’architetto che avrebbe avuto lo scopo di rappresentare la vita di Gesù, forse il simbolo più importante della religiosità spagnola.

Imperdibili sono anche la altre costruzioni fatte da Gaudì che, seppur minori, rappresentano delle autentiche opere d’arte come ad esempio Casa Milà, chiamata anche La Pedera annoverata fra le meraviglie che appartengono all’Unesco, durante il fine settimana il tetto di quest’opera viene aperto per consentire ai suoi visitatori di ammirare una fantastico panorama con vista sulla città.

Imperdibili sono anche Casa Batlò, Casa Clavet e il Parc Guell, queste opere vengono considerate una sorta di città delle fiabe, data la loro fattura interamente costituita da coloratiassimi mosaici.

Il vostro piccolo week-end a Barcellona è terminato, siamo convinti che seguendo questo breve ma intenso itinerario che abbiamo ideato possiate andare via soddisfatti della vostra avventura, ma siamo consapevoli che la sensazione che più di tutte rimarrà impressa nelle vostre menti sarà indiscutibilmente la voglia di ritornarci ancora!!!

Veduta dell'opera di Gaudì

 

 

 

Toledo per le tue vacanze in Spagna


Stai pensando a una vacanza in Spagna ma non sai quale meta scegliere? Non sei il solo…. La Spagna vanta numerose destinazioni degne di essere scoperte e vissute. Barcellona e Madrid, ai primi posti nella classifica delle città più visitate nel paese, non sono le uniche a meritare attenzione.

Tra le tante città spagnole degne di nota consigliamo vivamente una visita a Toledo, antica roccaforte medievale arrampicata su una collina situata proprio al centro della Spagna, a circa 70 km dalla capitale, Madrid. Ciò che la rende particolarmente interessante da un punto di vista turistico sono le sue singolari tradizioni e le numerose leggende che rivivono attorno alle mura della parte vecchia della città.

Toledo, inserita nella lista dei Patrimoni dell’Unesco, offre ai viaggiatori un colpo d’occhio davvero suggestivo: il centro storico si erge in posizione dominante e panoramica e dalla sommità della collina, si diramano strade che salgono e scendono in maniera convulsa e affascinante. L’atmosfera che si respira è decisamente intima caratterizzata da un’armonica convivenza delle culture cristiana, musulmana ed ebraica, che si ripercuote anche nelle testimonianze artistiche.

Edifici di diversi stili e periodi derivano proprio dalla convivenza più o meno pacifica nel corso dei secoli delle tre culture religiose. Ne sono un esempio significativo i tre edifici simbolo: la Sinagoga di Santa Maria la Blanca, la Sinagoga del Transito e la Moschea del Cristo della Luce.
Questa straordinaria ricchezza a livello monumentale ed artistico ha contribuito a farle ottenere l’importante riconoscimento da parte dell’UNESCO.

Ai turisti consigliamo in particolar modo le Rutas de Don Quijote, dei percorsi tematici inaugurati in occasione del quarto centenario dalla pubblicazione del Don Chisciotte di Miguel De Cervantes che intendono proporre al turista degli itinerari alla scoperta dei luoghi dove lo scrittore spagnolo ambientò le vicende del mitico cavaliere errante e del suo fido scudiero Sancho Panza.

Un modo alternativo e singolare di approfondire la storia di Toledo e dintorni.

Come affittare un appartamento a Barcellona per le tue vacanze

Affittare un appartamento a Barcellona è la modalita di alloggio sempre più popolare tra i viaggiatori per diverse ragioni: è più economico degli hotel, ha più spazio e ti dà più privacy, e sopratutto l’opportunità di cucinare. Inoltre, a Barcellona ci sono molte imprese che offrono appartamenti in affitto, la cui varietà è davvero ampia: si possono infatti trovare appartamenti al centro, appartamenti con vista o con terrazzo e molto altro ancora.

Come affittare un appartamento a Barcellona?

Il modo migliore di affittare un appartamento a Barcellona è attraverso una prenotazione on-line; una forma rapida e comoda. Un’ impresa che offre questa possibilità è per esempio, Ok Apartment Barcelona. Il sistema è molto facile: cerchi un appartamento introducendo la date e il numero di persone che viaggieranno e utilizzi il filtro per decidere le tue preferenze, come ad esempio: che abbia un gran terrazzo, aria condizionata, internet, riscaldamento. Una volta fatta la ricerca appariranno gli appartamenti che più si adeguano alle tue necessità e potrai scegliere l’alloggio che più ti piace. Quindi dovrai solo fare la prenotazione e hai fatto.

Appare l’informazione dettagliata dell’appartamento?

Le pagine per prenotare gli appartamenti hanno descrizioni dettagliate dell’alloggio: viene indicato il numero di stanze e bagni, i metri quadrati, la capacità, gli eletrrodomestici che ci sono. Contengono inoltre le foto di tutti gli spazi dell’appartamento e molte pagine che indicano i commenti dei precedenti clienti. Vi è anche una descrizione del quartiere in cui si trova l’appartamento, come il Raval, il Borne o l’ Eixample.

È sicuro il sistema di pagamento?

Tutte le imprese devono avere un sistema sicuro di pagamento, la maggior parte mediante PayPal. Inoltre, molte hanno un telefono per l’attenzione al cliente 24 ore al giorno, tutti I giorni dell’anno, come nel caso di Ok Apartment Barcelona.

Vacanze di Pasqua: all’insegna del low cost per gli italiani

Le vacanze di Pasqua sono ormai vicinissime e nonostante la crisi e i pochi giorni a disposizione, gli italiani non sembrano intenzionati a rinunciare ad un piccolo viaggio.

Piccolo, si, visto che per questa Pasqua le vacanze degli italiani saranno all’insegna del low cost e del last minute. Pare infatti che molti italiani aspetteranno proprio l’ultimo momento per prenotare un viaggio, attendendo quindi i convenienti pacchetti low cost e vantaggiosi voli last minute.

Secondo le statistiche effettuate da Volagratis le città più gettonate saranno LondraParigiBarcellona e Budapest che, grazie alla presenza di più scali e alla maggior presenza di compagnie aeree low cost sarà possibile raggiungere con meno di 100 euro.


Ed è infatti proprio questa la somma che mediamente gli italiani spenderanno per volare durante le vacanze di Pasqua, partendo nella maggior parte dei casi tra il 4 e l’8 aprile e rientrando il 9 aprile.

Oltre alle 4 città europee citate, molti vacanzieri trascorreranno le vacanze pasquali a Catania, mentre coloro che vorranno risparmiare sceglieranno Budapest, la città più economica di tutte. Per quanto concerne le compagnie aeree la scelta ricadrà soprattutto sulle low cost, preferite dal 66% dei viaggiatori, mentre per la tipologia sarà preferito il pacchetto volo+hotel, per una spesa media per coppia di circa 370 euro a persona e soggiorno di 3/4 notti.

Molto richieste saranno anche le crociere; l’84% dei crocieristi sceglierà il Mediterraneo Occidentale, il 9% quello orientale, il 4% farà rotta verso Dubai e il 2% per Guadalupe. In questi casi la spesa media si aggirerà sui 550 euro a persona per un viaggio di una settimana. Le compagnie preferite saranno la MSC Crociere e la Costa Crociera, che copriranno quasi il 90% delle prenotazioni.

Il Tibidabo La Montagna Magica di Barcellona

In Spagna la chiamano la “Muntanya Magica” e forse qualcosa di vero c’è in questo parco dal fascino fiabesco, immerso nel verde delle colline che sovrastano Barcellona. Il Parco del Tibidabo gioca con la definizione spagnola  “Parque de attraciones” e lo trasforma ancora nel “Parque de Sensaciones” proprio per quel suo fascino che mescola giuste dosi di brividi e risate, grida di spavento e sorrisi spensierati.

E allora perché non affrontare subito con lo spirito giusto la salita al Tibidabo sulla Vecchia Funicolare? E’ un percorso romantico, che provoca qualche brivido, ma soprattutto mostra un panorama mozzafiato, dal quale si percepiscono i 500 metri di altezza che lo separano da Barcellona. Così come si sentono tutti i cinque gradi di  differenza termica, che in estate invece risultano essere molto piacevoli. Buona parte del fascino si deve alle attrazioni, vera manna per i bambini, come il gettonatissimo Carrousel, una giostra identica a quella di Mary Poppins con tanto di cavallucci con criniera colorata.

Per i più temerari, se avete superato il brivido della funicolare, c’è la ruota panoramica detta Noria, ma c’è anche una Mina d’Or, una montagna russa nell’acqua, con cadute spettacolari ed un’ambientazione che rievoca le vecchie miniere d’oro. Al Tibidabo il divertimento continua con il Castello Misterioso, ricostruito alla perfezione, con torri, ponti levatoi, effetti speciali e sorprese. Terrore e mistero albergano, in senso letterale, al Kruger Hotel, un albergo nel quale alloggiano personaggi misteriosi e terribili, che stravolgeranno i visitatori con incursioni paurose che saranno immortalate dalla macchina fotografica nascosta.

Chi visita Barcellona non considera spesso una tappa al Tibidabo, ma la Montagna Magica è sempre più un’attrazione dal grande richiamo. Da non perdere!

Le 25 destinazioni migliori al mondo

Dove andiamo per le vacanze?

Ogni volta che bisogna pensare alle vacanze c’è sempre quel momento in cui non sappiamo dove vogliamo andare. Vorremmo visitare ogni posto ma, purtroppo, non sempre possiamo. Per facilitarvi la scelta oggi vi presentiamo un elenco di 25 destinazioni da non perdere nel corso della vita.
Al primo posto di questa classifica appare, un po a sorpresa, una delle grandi capitali del mondo, la città di Cape Town, in Sud Africa, considerata la più bella città del mondo dagli utenti del web. A seguire la capitale dell’Australia Sydney e Machu Picchu in Perù. Il nostro paese è rappresentato dalle immancabili Roma, Firenze e Venezia.

Le 25 destinazioni nel mondo da non perdere:

1. Cape Town, Sud Africa
2. Sydney, Australia
3. Machu Picchu, Perù
4. Parigi, Francia
5. Rio de Janeiro, Brasile
6. New York City, USA
7. Roma, Italia
8. Londra, Gran Bretagna
9. Barcellona, Spagna
10. Hong Kong, Cina
11. Kyoto, Giappone
12. Queenstown, Nuova Zelanda
13. Gerusalemme, Israele.
14. Siem Reap, Cambogia.
15. Praga, Repubblica Ceca.
16. Venezia, Italia.
17. Buenos Aires, Argentina.
18. Ko Phi Phi Don, Thailandia
19. Honolulu, Hawai
20. San Pietroburgo, Russia.
21. Firenze, Italia.
22. Grand Cayman
23. San Francisco, California
24. Petra, Giordania.
25. Las Vegas, Nevada

Barcellona a 5 stelle, Hotel Eurostars GrandMarina

L’Hotel Eurostars Grand Marina Barcellona è la sistemazione ideale se volete vivere Barcellona alloggiando nel luogo più vivace e giovanile. Con le sue 273 stanze tutte con aria condizionata l’Eurostars Grand Marina Barcellona vi permetterà di raggiungere in pochi minuti tutti i luoghi di maggiore interesse della città. L’hotel infatti vanta una posizione invidiabile che vi permetterà di raggiungere a piedi la Plaza de Espana, la Barcellona Cathedral, la Rambla de MarCasa Batllo e la famosa Sagrada Familia.

Se poi viaggiate con bambini piccoli non abbiate remore, l’hotel vi permetterà di usufruire di un servizio di Baby sitting che vi consentirà di rilassarvi e di vivere l’atmosfera della città senza stress. Sia che vogliate una vacanza all’insegna dell’arte e della storia sia che vogliate immergervi nella movida più famosa della Spagna, questo hotel soddisferà i vostri desideri. Dopo aver visitato ogni angolo della città, di giorno e di notte, le camere dell’Eurostar Grand Marina Barcellona vi accoglieranno con tutti i confort di un hotel di gran classe: connessione veloce wi fi, tv satellitare, mini bar, piscina, cassette di sicurezza, idromassaggio con Jacuzzi. L’hotel poi offre, per chi desidera tenersi in forma anche in vacanza, un ottimo centro fitness, equipaggiato con i macchinari più moderni, che vi permetteranno di mantenervi in forma anche dopo la vibrante movida Barcellonese.

Se siete amanti della buona cucina non dovrete fare molta strada perché il grande ristorante interno vi permetterà di gustare i piatti tipici della Catalogna e della Spagna, partendo dalla paella arrivando fino alle tapas tipiche della città.

17 marzo 2011. Il ponte che non ti aspetti

150 anni dell’unità d’Italia In occasione della festa per i 150 anni dell’unità d’Italia il 17 marzo 2011 sarà festa in tutto il paese. Cadendo di giovedì il 17 sarà uno dei pochissimi ponti degli ultimi due anni, che hanno visto davvero pochi giorni di festa.

Essendo un ponte, ed essendo in un periodo di bassa stagione, quella del 17 marzo è un’occasione da non perdere per una bella vacanza in giro per l’Europa. In 4 giorni di viaggi possiamo visitare ogni città del vecchio continente, spendendo poco e godendocela a pieno dato il periodo non troppo affollato.
E’ però importante non scegliere la prima destinazione che ci viene in mente, bisogna prima vedere alcune cose: il clima, dove mi conviene andare a metà marzo? Il costo? Dove posso risparmiare molto dato il periodo dell’anno? Tenendo presenti queste domande andiamo a vedere cosa ci offre la nostra Europa.

Se vogliamo goderci un po’ di sole e di caldo, scordarci per un po’ la stagione fredda e passeggiare sulla spiaggia, la Spagna rimane sempre una scelta su cui andare sicuri. Se poi vogliamo aggiungere al relax anche una visita ad una città meravigliosa per arte e storia, Barcellona diventa la scelta vincente.

Andare ora a Barcellona significa godersi il clima mite della città senza dover fare la fila come nel periodo di alta stagione. Quindi aspettiamoci spiagge poco affollate, monumenti e chiese liberi dalla folla di turisti e strade della città tranquille. Naturalmente è importante scegliere la sistemazione giusta, accogliente e tranquilla e, soprattutto, che non ci riserbi qualche brutta sorpresa. Ecco allora la nostra segnalazione per questo portale, tutto dedicato a Barcellona: alberghi-barcellona.com. Per i voli avete varie possibilità di prenotazione, vi consigliamo di controllare per prime le linee aeree low cost che fanno scala nella capitale della Catalunia  come Vueling e Ryanair, ma date sempre un occhio a Iberia che è la linea aerea nazionale spagnole.

Se invece vogliamo visitare un paese che di solito è un po’ costoso ma che in un periodo come questo ci permette di risparmiare non poco allora la scelta si orienta verso il nord Europa, ed in particola re verso Stoccolma, la capitale della Svezia. Se vi piace scoprire una città davvero unica, se non sentite la mancanza dell’inverno e se volete vedere la Venezia del Baltico allora Stoccolma fa per voi. Dato il periodo dell’anno troverete prezzi molto inferiori rispetto alla media, cosa che sicuramente non guasta per una città scandinava. Anche qui presentiamo un portale con cui andare sicuri: prontohotel.it

Sfruttiamo al massimo questo ponte per i 150 anni dall’unità d’Italia il 17 marzo 2011 , sia per ricordare la storia del nostro paese sia per goderci un meritato ponte di vacanza.

Le 14 boutique di Gaudì a Barcelona

L’evoluzione di un artista dalla grande fantasia e straordinaria immaginazione non è che una delle tante ragioni per visitare Barcelona.
Se il tempo a disposizione poi è un fine settimana, ecco le opere fondamentali che sono un must…
I venti camini dalle varie forme e colori, i giochi di colonne, l’uso del mosaico di piastrelle rotte (trencadìs) e del vetro: ecco l’atmosfera magica del sontuoso  Palau Guell.
Dal Palau al Park Guell, dove Gaudì cercò di creare un complesso urbano immerso nella natura, tutto curve e ondulazioni, nessuna linea retta e dove le colonne della sala ipostila (che avrebbe dovuto essere il mercato) sorreggono una impressionante terrazza. E’ qui che credo l’artista concentrò tutte le sue conoscenze per offrire una atmosfera piena di cromatismi e innovazioni tecnologiche.
Questa sintesi tra teoria e pratica dello stile architettonico di Gaudì, che va dal neogotico della cripta e dell’abside alle forme iperboliche delle volte  e paraboliche delle torri la ritroviamo nella Sagrada Familia, uno dei simboli della città. E’ con il supporto del computer, che grazie ai modellini e disegni di Gaudì, è possibile ancor oggi continuare la costruzione di questa ‘Cattedrale dei Poveri’. Infatti i lavori per il completamento della Sagrada Familia sono finanziati da donazioni anonime. L’opera, iniziata nel 1883 non potè essere portata a compimento perchè Gaudì morì nel 1926 investito da un tram lasciando questo suo capolavoro incompiuto.
Ed unico deve assere anche il nostro soggiorno a Barcellona 0 che possiamo ritrovare le forme ed i colori che abbiamo visto nel corso nella giornata.

Meeting e Congressi in Spagna

Negli ultimi anni la Spagna si è conquistata, a pieno titolo, una grossa fetta del mercato mondiale come sede (base) organizzativa di meeting internazionali, e, si prevede, che in futuro la sua presenza nel settore continuerà a crescere in modo esponenziale. Volendo analizzare le ragioni di questo successo si riscontrano una serie di elementi, sapientemente sfruttati e coordinati dalle tante Società qualificate che operano nel settore, che rendono questo paese competitivo in campo di organizzazione congressuale come pochi altri. Tra i principali protagonisti di questo exploit spagnolo troviamo: una rete di trasporti efficente e ben articolata, un’elevata capacità ricettiva (circa 350.000 posti), una cinquantina di palazzi dei congressi ubicati nelle principali città spagnole, un’ampia gamma di impianti e complessi multiuso appositamente allestiti per accogliere con successo questo genere di incontri, la ricca offerta culturale, l’eccezionale gastronomia, ecc…. ma sicuramente venendo in Spagna ne scoprirete molti altri anche voi, altrettanto validi e invitanti. Diversi e molteplici scenari vi offrono la possibilità di organizzare, in base alle vostre esigenze, qualunque tipo di congresso o riunione. Dalle metropoli più all’avanguardia come Madrid, Barcellona, Bilbao o Valencia alle vivaci località di mare o ai più raccolti e tradizionali paesini di montagna le votre aspettative saranno soddisfatte. La capacità ricettiva del paese è di circa 350.000 posti. Nelle principali città sono ubicati una cinquantina di palazzi dei congressi. Il grande assortimento di impianti e complessi multiuso, appositamente allestiti per accogliere con successo questo genere di incontri e l’ampia gamma di strutture ricettive di alta qualiltà che si contraddistinguono non solo per la cura dei servizi e per il comfort offerti ai propri ospiti ma anche per le tecnologie di comunicazione più all’avanguardia messe a loro disposizione, rendono la Spagna un formidabile concorrente nel panorama mondiale degli organizzatori di meeting.
Vantaggi e agevolazioni.
I Convention Bureaux vi metterranno in contatto con gli OPC, Organizzatori Professionali di Congressi che vi assisteranno con competenza e professionalità, sollevandovi dall’incombenza di organizzare qualunque tipo di evento, occupandosi per voi di ogni più piccolo particolare. Tra i numerosi vantaggi che offre la Spagna troviamo sicuramente il clima che permette di organizzare meeting praticamente tutto l’anno. Inoltre la rete dei trasporti, sia per via aerea che per terra collega in modo eccezionale il paese con il resto del mondo. Vi sono, infatti, 33 aeroporti internazionali, una rete autostradale avanzata e linee ferroviarie ad alta velocità, come l’AVE MadridSiviglia, che collega le due città in appena due ore e mezza. Avrete, inoltre, la possibilità di impiegare il vostro tempo libero per fare acquisti in negozi selezionati, di apprezzare la vasta offerta culturale di cui tutto il paese, indistintamente, trabocca e in ultimo, ma non meno importante, di provare la variegata e gustosa gastronomia spagnola.
Meeting con vista
Avrete la possibilità di organizzare incontri (meeting) innovativi e ricchi di fascino, in luoghi unici per la loro storia e per la loro ubicazione che daranno ai vostri eventi un tocco di classe e/o originalità. Immaginatevi una riunione di lavoro con vista su un circuito automobilistico… O all’interno di una cantina, attorniati da botti e barili, mentre apprezzate la fragranza dei migliori vini spagnoli. O lo straordinario scenario di un monastero medievale, dove si percepisce l’armonia emanata dal chiostro e dagli ambienti circostanti. In Spagna potrete avere tutto questo e molto di più, potrete scoprirete un paese affascinante e non solo un luogo per ospitare riunioni di lavoro.