C’era una volta un vulcano: Ventotene

1020

Punta affiorante di un vulcano sottomarino Ventotene  non a caso fu scelta dall’imperatore Ottaviano Augusto per realizzare la sontuosa dimora (Villa Giulia) che doveva ospitarne la figlia, esiliata per la sua riprovevole condotta. Fu così che il porticciolo e i magazzini  furono  scavati nella tenera  roccia vulcanica, che fu realizzata la pescheria sotto il faro   e che l’isola fu dotata di grandi serbatoi idrici ancor oggi visitabili. A Ventotene duemila anni di storia non sono passati, perchè la ‘Roma marina’ qui è viva in un angolo di Tirreno che offre scenari straordinari.
L’isola ha anche un volto urbano, con i suoi edifici essenziali e al tempo stesso scenografici progettati nel XVIII secolo.  La rampa tortuosa che dal porto romano porta al cuore del paese sembra simbolicamente  fare da trait d’union tra la storia antica e la storia nuova dell’isola, già nota  e frequentata da Greci e Fenici.
Il susseguirsi di rocce dai colori cangianti che sprofondano nel mare hanno forme contorte che si stagliano sullo sfondo blu di mare e cielo.
Sono però soprattutto i paesaggi sopra e sotto l’acqua, i fondali ricchi di vita, le acque limpide e cristalline ed i colori e profumi della macchia mediterranea che fanno di Ventotene una ‘isola boutique’ con una superficie di appena 124 ettari.
Per i sub la ricchezza di vita e l’integrità dell’ecosistema marino rappresentano una continua scoperta. Questa integrità ha fatto sì che Ventotene, insieme a Santo Stefano, siano stati  dichiarati Riserva Naturale Marina Protetta, ciò che consente il mantenimento di questo straordinario equilibrio che natura e ambiente hanno costruito nei secoli.
Nell’isola non manca l’ospitalità. alberghi, case vacanza, ristoranti, tutti a dimensione dell’isola stessa.
Come raggiungere l’isola? Vari colegamenti  con motonavi ed aliscafi e più punti d’imbarco: Formia, Anzio, Terracina, Napoli.
Buona vacanza!

CONDIVIDI
Articolo precedenteBenvenuti in Scozia
Articolo successivoAlle terme in Toscana
Paolo Mazzara è un appassionato viaggiatore. Brama di avventura e di terre selvagge. Giardiniere, lettore, subacqueo, arciere tradizionale, amante del vino e appassionato di cucina. Prossimo grande progetto, il giro del mondo in 5 anni.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Scrivi il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.