Festa del Torrone a San Marco dei Cavoti

541

A San Marco dei Cavoti, nel Sannio (BN), si svolge la decima edizione della festa del torrone e del Croccantino.

Per tutto il mese di Dicembre ogni giorno saranno organizzati intrattenimenti, spettacoli folkloristici e musicali per le strade, esposizioni, degustazioni, punti vendita e degustazioni di prodotti tipici locali. Sicuramente un vento da non perdere per tutti i Golosi.

Oltre alla Festa del Torrone e del Croccantino di San Marco dei Cavoti ci sono altre cose molto interessanti da visitare e vedere a San Marco dei Cavoti.

Le origini del paese risalgono all’epoca sannitica, ma l’assetto definitivo e il suo nome derivano dalla presenza dei provenzali che si stabilirono nel territorio fra il 1353 e il 1355.
Il nome San Marco fu scelto dai provenzali in onore del loro santo patrono e protettore, la denominazione di Cavoti invece deriva da Gavots, cioè proveniente da Gap, la cittadina di origine dei coloni.

San Marco dei Cavoti entrò a far parte della provincia di Benevento nel 1861. Ricca di monumenti storici e splendidi scorci naturali, San Marco dei Cavoti, si rivela un’ottima combinazione per chi vuole coniugare l’amore per l’arte con quello per la natura.  

Tra i posti da visitare segnaliamo la Chiesa di San Marco Evangelista, la Torre dei Provenzali, edificio principale del sistema difensivo murario, del XV sec., la Chiesa dedicata a Maria Santissima del Carmine e la Chiesa di San Rocco, Palazzo Marchesale, che ingloba Porta Palazzo, con La Torretta dove la leggenda racconta che riposino le anime delle donne che si ribellarono allo ius primae noctis.

Palazzo Jelardi, splendido edificio della seconda metà dell’800 e Palazzo Colarusso, dei primi del ‘900.

Per gli amanti della natura è piacevole una passeggiata fuori dal centro tra i rigogliosi boschi di contrada Santa Barbara, dove immersa nel verde si ammira la splendida Cappella da poco ricostruita.

Nel 1997 è stato inaugurato il Museo degli Orologi da Torre, dove viene ospitata una collezione di oltre cinquanta meccanismi di varie epoche diverse, che vanno dal 1600 al 1900.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCapodanno a Madrid
Articolo successivoA Roma primi fiocchi di Neve
Paolo Mazzara è un appassionato viaggiatore. Brama di avventura e di terre selvagge. Giardiniere, lettore, subacqueo, arciere tradizionale, amante del vino e appassionato di cucina. Prossimo grande progetto, il giro del mondo in 5 anni.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Scrivi il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.