Come visitare l’Andalusia in 3 giorni

1
638

CartinaAndalucia

L’Andalusia è una delle tappe preferite dai vacanzieri di mezza stagione e anche tre giorni a disposizione permettono di visitare alcune delle città più rappresentative di questa regione del sud della Spagna. Un tour completo di tutte le province probabilmente richiederebbe almeno 8/10 giorni, specie d’estate se si vuole includere un pò di mare, ma per un week end sicuramente l’Andalusia offre spunti interessanti.

L’Andalusia è una regione della Spagna del sud che comprende 8 diverse provincie: Almeria, Cadice, Cordoba, Granada, Huelva, Jaen, Malaga, Siviglia.Tutta la regione ha delle caratteristiche climatiche estremamente ideali per un tour la maggior parte dell’anno, per questo viene scelta da molti per un week end di primavera o anche una vacanza con più giorni a disposizione.Inoltre questa regione mette a disposizione dei turisti una gran varietà di paesaggi in grado di soddisfare gusti di ogni genere.In tre giorni l’itinerario deve limitarsi notevolmente ad un paio di città, ma permette comunque un week end estremamente pieno.

siviglia
Il Tour di tre giorni dell’Andalusia parte sicuramente da Siviglia, città cuore vero della regione e soprattutto ben collegata all’Italia con numerosi voli low-cost. La città di Siviglia racchiude in sè una bellezza architettonica strabiliante e che può essere ammirata non solo nei sontuosi palazzi reali e nelle cattedrali, ma anche nei vicoli del centro storico che mettono in mostra tutto il bello della vita nel cuore della Spagna.

Sicuramente non dovete perdere alcuni monumenti di Siviglia nel vostro soggiorno cittadino.I Reales Alcazares, i Palazzi Reali, che sono gli edifici più imponenti della città e che risentono, nella loro architettura dell’influenza araba, ma anche dello stile neoclassico, stupendi anche i giardini soprattutto in primavera. Se vi rendete conto di avere tempo sappiate che proprio vicino ai palazzi reali potete trovare il Palazzo di Carlos V che custodisce una impressionante collezione di arazzi.

siviglia

Altra tappa da non mancare è la Cattedrale di Siviglia, mix di stili tra il gotico ed il rinascimentale, la Cattedrale è sicuramente uno dei monumenti di Siviglia più conosciuti e sicuramente, dopo S. Pietro a Roma, il più imponente monumento del mondo cristiano. Stupenda è la Giralda, vero simbolo di Siviglia, è la torre campanaria che si innalza sopra la Cattedrale con un’altezza complessiva di 96 metri. Il nome è dovuto alla statua che la sovrasta che gira a seconda della direzione del vento. Si può arrivare quasi in cima alla torre dall’interno della Cattedrale che, attraverso un passaggio, porta ad una piattaforma proprio sulla torre da dove si può avere una vista della città sicuramente spettacolare.

Una fotografia la merita anche Plaza de Espana: piazza costruita nel 1920 per celebrare l’esposizione liberoamericana su progetto di un famoso architetto spagnolo Gonzalez Decorata.

Per riempire il pomeriggio potete sicuramente pensare ad un giro nel Barrio di San Bartolomè fatto di stradine intricate e chiesette per un ambientazione dal sapore affascinante.Arrivati alla sera, invece, potete puntare il quartiere di Triana sulla riva occidentale del fiume Guadalquivir, fatto di pezzi della città antica e della città moderna che si mischiano e ricco di locali e ristorantini adatti per una tipica serata sivigliana soprattutto nella zona del lungofiume.
Il secondo giorno, se volete fare più tappe in Andalusia dovete necessariamente spostarvi. per i collegamenti potete decidere di affittare un’auto e muovervi più liberamente, oppure utilizzare la linea ferroviaria.

cordoba

 

Avendo pochi giorni e non avendo il tempo di fare un soggiorno al mare un consiglio è rivolgervi direttamente alle città dell’interno proponendovi di approfondire la visita in una futura vacanza con più giorni a disposizione. Cordoba è sicuramente un’altra delle città simbolo dell’Andalusia ed è spostata leggermente verso l’interno della Spagna.Se decidete di andare in treno lo spostamento di circa 242 km sarà di circa quarantacinque minuti (con treno veloce) optando per l’auto invece avrete sicuramente una spesa un pò più elevata, ma la possibilità di sfruttare un pò meglio il tempo a disposizione.

Se arrivate in macchina, non ne avrete bisogno in città, è tutto molto vicino, e può essere visitato a piedi, mezza giornata è più che sufficiente per visitare i 2 monumenti più importanti della città: laMezquita e la Juderia. La Mezquita, anche se oggi è una famosa cattedrale, in passato era la moschea della città ed in effetti ne conserva ancora l’aspetto, un posto davvero unico che non dovete perdere. Dalla Mezquita potete spostarvi alla Juderia, il quartiere ebraico. Un quartiere stupendamente conservato fatto di piccole case bianche con giardino e con la piccola Sinagoga dove tutti si dirigono almeno una volta al giorno (una visita non ti richiederà di certo molto tempo).Probabilmente Cordoba da il meglio di sera con il calare del sole e con l’illuminazione notturna quando la città diventa veramente un magico mondo da fiaba fatta di architettura araba mista all’architettura occidentale.

granada
Da Cordoba spostatevi a Granada, altra città simbolo dell’Andalusia dal fascino arabeggiante.Puntante per prima cosa l’Alhambra, monumento dalla bellezza unica dichiarato Patrimonio Umanitario dell’Unesco costruito dai Mori come fortezza per proteggere la città.Di fronte all’Alhambra troverete il palazzo del Generalife con i suoi stupendi giardini che risalgono al 1300. Immergetevi poi nel quartiere dell’Albayzin, anche questo Patrimonio dell’Unesco, verrete risucchiati da un ambiente unico per odori e colori e vi sarà veramente difficile uscirne. Come detto all’inizio 3 giorni in Andalusia non sono sufficienti ad una vacanza, ma lo sono sicuramente per farvi innamorare di questa regione e tornare con la voglia di esplorare ogni centimetro di questo territorio

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Scrivi il tuo nome qui