Le destinazioni top per le prossime vacanze 2015

bali tempio

Buoni propositi per l’estate 2015? Partire il più possibile in vacanza, ma per andare dove? Per il 2014 sembrava voler fare la parte del leone il nord Europa, per il 2015 si torna a sognare il tradizionale mare.

Le destinazioni top per il 2015 sembra che comprenderanno Indonesia, Egitto e Turchia, ma anche, lontano dal mare il Belgio e oltreoceano il Canada sembra attirare notevolmente con i suoi numerosi parchi.

Il nord Europa ha avuto un’annata d’oro nel 2014 per quanto riguarda i turisti italiani e sembra proprio che il trend continuerà a mantenersi positivo.

Le destinazioni con trattamento all inclusive attirano e attireranno ancora molto, cosa che porta gli italiani a non smettere di adorare l’Egitto e le sue mete “marine” Sharm e Mars Alam. Le ondate turistiche quindi tenderanno verso due tipologie di viaggio. Da una parte verso le località di mare: oltre le già citate destinazioni avranno molta forza, nel periodo estivo le solite Sardegna, Grecia e Spagna.

istanbul

Dall’altro lato mantengono il loro fascino, anche per vacanze toccata e fuga, le città europee come Amsterdam, Berlino, Istanbul e Parigi in prima linea.

Sicuramente merita qualche riga anche il discorso Expo 2015 di cui sentiamo parlare da tempo, purtroppo non solo per finalità turistiche. Il 2014 è stato l’anno del Brasile con il Mondiale di calcio, il 2015 sarà invece l’anno di Milano proprio grazie a questa manifestazione.

Si prevede che tra maggio e ottobre 2015 questo evento mondiale attiri 20 milioni di visitatori molti dei quali dall’estero. Questo aumenterà la tendenza degli ultimi tempi dei turisti stranieri a scegliere l’Italia come meta delle loro vacanze.

Una notte nell’hotel più bello del mondo: in Tanzania

africa-singita-grumeti-reserves-4

Volete fare colpo e rendere una vacanza assolutamente indimenticabile? Il consiglio più spassionato è quello di regalare almeno una notte nel resort più bello del mondo. Volate fino in Tanzania e immergetevi completamente nella savana del Serengeti National Park. E’ in questo ambiente incontaminato che troverete il Singita Grumeti Reserves.

Il perchè venga considerato il più bell’hotel del mondo è abbastanza evidente: un lusso non eccessivo, ma di classe, unito ad un panorama mozzafiato. A questo c’è da aggiungere l’unicità della studiata posizione che permette di avvistare molti degli abitanti della savana trovandosi proprio lungo la rotta migratoria percorsa ogni anno da migliaia di animali. Se siete spinti dall’amore non sarete interessati al piccolo particolare del prezzo: una stanza 1800 € in media… in fin dei conti ne vale la pena. Potrete scegliere tra tre tipologie di sistemazioni incluse in 2 lodge e un campo tendato.

Il primo lodge è il Faru Faru Lodge ed è composto da 8 ville e una suite. Il secondo è il Sasaka Lodge ed è composto da 9 cottage dotati di piscina privata. Per ultimo abbiamo invece il campo tendato per chi vuole regalarsi una esperienza in assoluto contatto con la natura. Naturalmente prenotando il vostro hotel nella savana pensate anche di avventurarvi in un minisafari.

Le città da visitare assolutamente nel 2015 secondo la Lonely Planet

Come ogni anno la Lonely Travel pubblica la sua lista di vacanze immancabili per l’anno che si appresta ad entrare. In occasione dell’uscita delle varie classifiche viene pullicato comunque l’elenco delle città da visitare assolutamente nel 2015 .

La classifica (http://www.lonelyplanet.com/best-in-travel) è stata formata richiedendo ai corrispondenti locali quali luoghi possedevano caratteristiche speciali per il 2015 in grado di rendere speciale i viaggi dei turisti del prossimo anno.

toronto10- Toronto al decimo posto delle città da visitare nel 2015 secondo la Lonely Plane,  la città multiculturale per eccellenza e dove si svolgeranno proprio nel 2015 i giochi Panamericani.

Chennai Madras India 119- Chennai-India Al nono posto una città un pò meno scontata nella mente dei viaggiatori: una città di templi, scuole di danza classica e sede anche della seconda casa di produzione cinematografica indiana.

vienna8- Vienna Il 2015 è l’anno del festeggiamento dei 150 anni del suo rinnovo urbanistico avuto con la costruzione della Ringstrasse: la pianta cittadina formata da anelli circolari di viali tutti intorno al centro città.

salisbury7- Salisbury Città del Regno Unito, Salisbury festeggerà nel 2015 il compleanno numero 800 della firma della Magna Carta.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA6- Plovdiv- Bulgaria Città gioiello praticamente sconosciuta in Europa, ma, in passato importante punto di passaggio di culture fin dall’epoca pre-romana.

valletta-ssuse5- Valletta Il 2015 rappresenta per Valletta il 450° anniversario del Grande Assedio dei turchi ad una guarnigione di cristiani che però riusci a resistere agli invasori.

sermat4- Zermatt-Svizzera Tanto vicina a noi quanto sconosciuta celebra nel 2015 il centocinquantesimo compleanno della prima risalita del Cervino da parte dello scalatore Whymper.

Milano3- Milano Posizione da podio per la nostra capitale del nord dovuta proprio al fatto che nel 2015 proprio quì avrà luogo l’Expo.

fitz_roy_el_chalten2- El Chalten Naturalisticamente parlando questa cittandina Argentina merita sicuramente una visita soprattutto considerando che il 2015 rappresenta il suo 30imo compleanno.

whashington1-Washington Anche la grande e importante città americana ricorda una ricorrenza non molto festiva nel 2015: l’anniversario dell’assassinio di Lincoln. il 2015 sarà infatti il centocinquantesimo anniversario della sua morte e verrà ricordato con mostre ed eventi.

Festeggiare il Natale a Londra

Il Natale in Gran Bretagna e soprattutto a Londra, è particolarmente sentito ed il mese di dicembre è tutto un fremito di preparativi, di acquisti, di luci di addobbi.

Le stesse azienda mettono in piedi i Christmas Party nei locali o negli stessi uffici per festeggiare il Natale.

Tutto sembra un gran caos e la folla si ammassa per le strade della città, ma improvvisamente tutto cambia… il 25 ed il 26 la città sembra avere un nuovo volto ed i londinesi si chiudono in casa per i festeggiamenti in famiglia mangiando il rituale tacchino ripieno con mirtilli al seguito e come dolce il Christmas Pudding.

Naturalmente tutto dura poco perché dal 27 riinizia il fremito di capodanno, senza considerare che molti negozi proprio in questo periodo fanno partire i saldi di stagione.

Paradossalmente, se volete scappare dalle feste in famiglia il giorno di Natale e quello di Santo Stefano sono i migliori per visitare la città con tutti i suoi addobbi natalizi soprattutto le luminarie delle strade più famose come Regents Street, Oxford Street e Carnaby Street.

Come festeggiare il Natale a Londra?

1-Ogni anno la città si va arricchendo di nuovi mercatini di Natale e questi sicuramente possono essere una prima cosa da fare in città.

Sicuramente sono imperdibili i mercatini di Camden Town, Portobello e Borough Market, ma troverete bancarelle anche a Covent Garden o anche Oxford Street.

2-Tra le altre cose da fare a Londra a Natale sicuramente aggiungerei un pò di attività fisica su una delle grandi piste di pattinaggio che ogni anno popolano la città: tra le più gettonate troverete la pista di Somerset House (aperta in genere da metà novembre fino alla fine delle feste), Natural History Museum Ice Rink o ancora Parklife Oxford Street e Canada Wharf.

3-Non potete andare a festeggiare il Natale a Londra e tornare a casa senza aver assistito almeno ad un musical o ad un concerto di Natale. Vi segnalo i concerti natalizi della Royal Albert Hall e quelli di Trafalgar Square che sotto Natale vengono svolti sotto il grande albero.

Natale a Londra

Week end a Siena: cosa visitare in pochi giorni

Un vero gioiello della stupenda terra Toscana, Siena, non enorme, ma infinitamente ricca, è la meta ideale di un week end culturale, o culinario, o romantico o ancora ricco di vita notturna.

A Siena passeggiando si trova tutto, camminando tra i vecchi e curati palazzi del centro storico si ammira con il naso all’aria la bellezza architettonica di un borgo medievale perfettamente curato e mantenuto. I vicoli sono un susseguirsi di negozi, botteghe artigiane, ristorantini o portoni di vecchi ed illustri palazzi che all’improvviso si aprono sull’enorme e ariosa piazza centrale: Piazza del Campo.

L’impressione di questa piazza quando si esce dall’atmosfera un po’ ristretta delle strade di Siena è di assoluta immensità e luminosità, e al tramonto le luci donano un qualcosa di magico agli edifici con i loro balconi affollati, ai ristoranti con i loro tavoli all’aperto e al cuore affollato di gente seduta a terra ad ammirare il panorama e a godersi un po’ di fresco serale durante la bella stagione.

Cosa vedere a Siena

1- Inutile dire allora che una tappa che non può mancare nel vostro week end a Siena è proprio Piazza del campo con la sua imponente Torre del Mangia. Per chi vuole salire sulla torre (biglietto 8€) è consigliabile andare di mattina presto, appena aperta, per evitare un po’ della folla che si va creando lungo l’arco della giornata. Considerate infatti che la prima parte è piuttosto “ristretta” e anche un po’ ripida quindi evitate se siete anche un po’ claustrofobici oppure pensateci bene se siete con bambini piccoli da portare in braccio (i 400 gradini potrebbero essere difficoltosi anche se ripagati dalla splendida vista).

2- Il Duomo, cioè la Cattedrale di Santa Maria Assunta, merita una puntatina, anche se comunque è da inserire tra le tappe più turistiche della città, quindi sempre molto affollate. L’edificio dona un senso di imponenza in mezzo agli edifici non eccessivamente alti del centro storico e la sua facciata è sicuramente da fotografare. L’interno poi lascia senza fiato schiacciando i visitatori tra le enormi e zebrate colonne e i pavimenti intarsiati.

3- Dal Duomo salite il Facciatone del Duomo Nuovo. Opera incompiuto mostra la voglia dei senesi di costruire un immenso duomo che fosse simbolo della grandezza della città. La peste nera del 1348 segnò però la fine di questo sogno. La risalita dei 130 gradini comunque rivela uno spettacolo unico della città dall’alto.

4- Proprio dietro il Duomo troverete il Battistero. Questi due edifici insieme sono il cuore religioso della città di Siena. Il cuore del Battistero è sicuramente la Fonte Battesimale in bronzo e marmo e sistemata al centro dell’edificio.

5- Sempre a due passi dal Duomo anche l’edificio di Santa Maria della Scala che alle sue origini è stato uno dei più antichi ospedali europei. Oggi è ancora in corso di restauro e custodisce numerose opere d’arte ed ospita numerose mostre temporanee. L’edificio è piuttosto ampio, suddiviso su 4 diversi piani, quindi se il soggiorno a Siena è Breve è bene valutare se è possibile visitarlo per intero.

6- Per gli amanti dell’arte una tappa da non mancare è sicuramente la Libreria Piccolomini arricchiti da opere di Pinturicchio e di molti allievi della sua scuola.

7- A parte i punti fissi storicamente importanti non posso non consigliarvi una passeggiata senza meta nel centro storico della città inserito tra i Patrimoni dell’Unesco nel 1995.

siena città

Dove fare shopping a Siena

Se a parte ammirare arte e architettura, volete dedicarvi ad un po’ di shopping compulsivo.
Le opportunità sono molte (purtroppo per il vostro portafoglio). La via principale per fare shopping a Siena è sicuramente Via Banchi di Sopra soprattutto se cercate abiti, borse e scarpe.

Alcuni negozi interessanti anche in Via Pantaneto, ma è bello girare il centro storico per imbattersi anche in piccole boutique molto particolari o anche negozi di artigianato.
Per gli amanti dei mercati invece segnalo il mercoledì mattina, se non siete amanti dei soggiorni del fine settimana, il mercato settimanale che si tiene vicino Piazza Gramsci: qualità non altissima, ma sicuramente si trovano numerose buone occasioni.

I 7 migliori hotel per un viaggio romantico a Parigi

A costo di sembrare tremendamente scontati non possiamo non consigliare Parigi, la città mondialmente riconosciuta come “città dell’amore”, come la tappa ideale per un viaggio romantico.

Tutti noi, anche se non ci siamo stati, conosciamo qualcuno che ha approfittato di questa città come sfondo di un week end romantico a due, che ricorda con una lacrimuccia quel bacio di fronte alla tour Eiffel illuminata, o quella passeggiata lungo la Senna mano nella mano con il tramonto che creava la sua magica atmosfera.

Bene! Scontati o non dobbiamo pur sempre dire che Parigi è la scelta giusta se volete fare colpo, se volete festeggiare un anniversario particolare, o anche per qualche “proposta” non indecente naturalmente, ma di legame per la vita.

Come rendere speciale il vostro viaggio romantico a Parigi?

Le vie sono infinite e la città non vi deluderà da questo punto di vista, ma è indispensabile che vi impegniate a ricercare la base giusta della vostra vacanza: il vostro hotel!
Sì perché una vacanza romantica non è tale se non avete la stanza giusta nel posto giusto e con il giusto servizio. Considerate però che non avrete vita facile: l’immensa offerta turistica di Parigi è sinonimo di ampia scelta e possibilità, ma anche di fatica nella selezione!
Quale sarà l’hotel giusto per il vostro viaggio romantico a Parigi?

Meglio l’hotel d’epoca e quello di design moderno? Meglio il grande hotel oppure gli intimi hotel di poche stanze sperduti nei meandri delle stradine parigine.
Per aiutarvi abbiamo pensato di offrirvi una selezione di quelli che abbiamo reputato più adatti come hotel romantici a Parigi considerando le atmosfere, i servizi e soprattutto le opinioni di chi li ha provati.
Eccovi quindi una lista dei migliori hotel per un viaggio romantico a Parigi

1- Sublime hotel Eiffel

Già il nome rende l’idea dell’atmosfera d’incanto di questo hotel di Parigi. Un gioiello nel cuore della città fatto di luci soffuse ed arredamento sofisticato. Per i più esigenti sono a disposizione le spaziose e lussuose suite con vasche idromassaggio, alcune con spettacolare vista su una delle torri più famose del mondo: la Tour Eiffel. Naturalmente, come ogni hotel di alto livello, avrete a disposizione anche una Spa per un momento di vero relax fatto di massaggi e area acque per raggiungere anche il tanto agognato equilibrio di mente e corpo.

2- Apostrophe Hotel Parigi

Si tratta di un hotel che è ormai una vera istituzione parigina. A partire dalla posizione invidiabile nel cuore di Parigi che vi permetterà romantiche passeggiate per le strade della città, questa struttura ha tutto ciò di cui si può aver bisogno, o anche solo voglia, durante un romantico soggiorno cittadino. Soprattutto, quello che attira, è la stupenda intimità della struttura composta da sole 16 stanze tutte arredate seguendo il tema della letteratura e della scrittura. Alcune sono dotate di idromassaggio o doccia a pioggia con cromoterapia. Gratuita anche la possibilità di farsi servire la colazione in camera.

3- Secret de Paris hotel

Stanze dove immergersi nei meandri dei segreti parigini. Ognuna con un suo stile particolare e dedicata ad un angolo o monumento della Ville Lumiere che sia esso il Moulin Rouge, la Tour Eiffel o il Museo d’Orsay, insomma lo sfondo ideale per il vostro film romantico a Parigi.
Per il massimo del relax poi potete dedicarvi un po’ di tempo nella Spa dell’hotel con Hammam, sauna e centro massaggi.

4- Shangri-la Hotel Parigi

Hotel dal sangue blu che in passato ha ospitato anche membri della nobiltà parigina regala splendidi scorsi sulla tour Eiffel, ma anche sul romantico lungo-Senna. Soggiornando in questo hotel potrete richiedere trattamenti benessere direttamente in camera, godere di lusso e servizi eccezionali, mangiare prelibata cucina francese presso il ristorante dell’hotel, o sorseggiare un drink presso i salottini del lounge-bar.

5- Ideàl hotel design Parigi

Design hotel che offre piccoli nidi d’amore molto particolari nel cuore di Parigi. Potrete scegliere tra camere dalle sensuali luci colorate e soffuse o camere ispirate ad Alice nel paese delle meraviglie, o perdervi tra i petali di rose della stanza “Amore”, vivere la Corte di Versaille in una stanza in tipico stile barocco. In camera potrete richiedere massaggi esclusivi o anche farvi servire la dolce colazione del mattino.

6- Hotel du Petit Moulin

Design hotel che deve il suo look unico alla firma inconfondibile di Cristian Lacroix che ha totalmente stravolto l’atmosfera di questo edificio del XVII secolo della quale rimane però la vecchia insegna esterna che vi accoglierà nel vostro soggiorno romantico a Parigi.

7- Le Chat Noir Hotel

Ambiente semplice e moderno, ma decisamente non scontato. Ideale per chi adora il quartiere di Montmartre con i suoi artisti di strada, negozi vintage e stradine lastricate, forse la parte più romantica di Parigi.
Dall’ultimo piano dell’hotel potrete godere di una vista unica sulla città e per gli amanti della vita notturna arriverete facilmente anche a numerosi locali e ristoranti anche a piedi.

Viaggio romantico a Parigi

Andare in vacanza a Natale: le destinazioni più amate

caraibi

Partire d’inverno è sempre stato il sogno di molti Italiani. Storicamente abituati a partire in massa ad agosto alla chiusura di fabbriche ed uffici, partire fuori stagione sembra donare un senso di libertà assolutamente maggiore.

Senza considerare poi la possibilità di rientrare dalle ferie sfoggiando un’abbronzatura invidiabile e che scatenerà l’invidia dell’odiata o odiato collega che invece è rimasto tra le mura domestiche tra parenti, suocere e bambini urlanti.

Una delle vacanze più apprezzate dagli italiani per natale negli anni sembra essere sempre stata la crociera. Nonostante il clima non sia dei migliori in molti hanno anche apprezzato una crociera nel Mediterraneo che permette di raggiungere climi un pò più miti senza allontanarsi troppo dall’Italia, senza però non notare l’ondata di persone che si è imbarcata oltre oceano per una bella crociera ai Caraibi.

natale-new-york

Altra destinazione natalizia inossidabile sicuramente New York che, nonostante il clima incredibilmente freddo, ha creato nell’immaginario di tutti un capodanno di strada da sogno.

Apprezzata oltre oceano sicuramente anche Miami, con il suo clima più caldo e la vicinanza ai parchi divertimento di Orlando.

Anche se negli scorsi anni l’alternativa Mar Rosso con Sharm e Marsa Alam la facesse da padrona con prezzi molto più abbordabili, quest’anno sicuramente non sarà una delle opzioni più ricercate data la difficoltosa situazione politica.

capo verde

Amato dagli appassionati di Kitesurf e Windsurf sicuramente è l’arcipelago di Capoverde, un agglomerato di nove isole, tra le quali le più famose Sal e Boavista, un tempo sotto il dominio Portoghese. Oltre ad un patrimonio naturale invidiabile, stupende sono anche le spiagge di sabbia bianca bagnate da un mare dalle mille tonalità del blu. Boavista è la più vicina al continente africano ed è in parte coperta da dune di sabbia che provengono proprio dal deserto del Sahara. Rispetto a Sal quì il turismo non si è ancora sviluppato al massimo custodendo ancora un aspetto alquanto selvaggio

Non dimentichiamo comunque le destinazioni che secondo me rispettano maggiormente la fuga da sogno che gli Italiani coccolano per mesi e mesi sperando di poter organizzare: le Maldive, le Mauritius e i Caraibi.

Mauritius insieme a Reunion e Rodrigues sono tre stupende isole che fanno parte dell’arcipelago delle Mascarene. Mauritius è sicuramente la più turistica ma comunque una vera perla dell’Oceano indiano dominato dalla natura ricca di palme, banani e frutti tropicali, senza considerare i 300 km di spiagge.

maldives

Nell’oceano indiano anche il gruppo di Atolli delle Maldive ideali per una vacanza di sole e mare, lagune di diverse profondità e mare dalle diverse tonalità dal blu al turchese. Il clima delle Maldive in genere è caldo-umido con il sole che splende praticamente tutto l’anno e temperature che vanno dai 29 ai 32 gradi.

Quello di Malè Nord è l’atollo più grande con un totale di 29 isole, una lunghezza di 67 km e una larghezza di 41. Il canale di Wadu divide Malè Nord da Malè Sud dove si trova l’aeroporto internazionale. Mentre 130 km a nord ovest si trova l’atollo di Baa formato da 50 isolotti, dei quali solo 5 ospitano resort mentre 10 sono abitati dalla popolazione del posto.

Di fronte alla Tanzania troviamo invece Zanzibar, isola spesso scelta da chi in Tanzania si è diretto per un safari e ricerca quindi un pò di relax.

Messico

Per chi ha più giorni di ferie è possibile raggiungere le blasonate mete d’oltreoceano come il Messico che con la Riviera Maya, Playa del Carmen, Tulum, offre lunghissime spiagge di sabbia bianca lambite da acque cristalline. Il Messico ha sicuramente la particolarità di offrire la possibilità di fare una vacanza rilassante comodamente sdraiati su una spiaggia e contemporaneamente di tramutare il tutto in un soggiorno culturale anche sono con una escursione ai siti archeologici della penisola dello Yucatan. Non dimentichiamo poi per gli appassionati di immersioni la barriera corallina di Cozumel.

Purtroppo un pò meno presa in considerazione dagli italiani, anche perché non raggiunta dai pacchetti turistici dei tour operator italiani, la costa sud del Messico con l’enorme baia di Acapulco (definita una delle 5 baie più spettacolari del mondo.

santo domingo

Il Messico è sicuramente adatto a chi vuole una vacanza attiva con diverse alternative e magari anche con qualche giorno in più di ferie, per chi invece ricerca il solo relax e non ha molti giorni a disposizione Santo Domingo può essere l’alternativa ed in effetti è anche molto apprezzata perchè spesso è possibile trovare pacchetti turistici veramente economici ed il tutto con trattamento di All Inclusive, una vera vacanza per non pensare a nulla.

Insomma potreste avere molti modi per farvi invidiare

 

Vacanze in bici a tema: in Olanda alla ricerca di Van Gogh

Tour di Van Gogh in bici

Tra poco meno di un anno, e più precisamente a luglio del 2015, l’Olanda ricorderà la morte del suo artista più significativo, Van Gogh, e per commemorare l’artista in modo adeguato la nazione si sta già organizzando con numerosi eventi, iniziative, mostre.

Tra le tante proposte delle quali si potrà usufruire uno sarà diretto in principal modo agli amanti delle vacanze in bici in giro per l’Europa.
Questa iniziativa prevederà la creazione di un percorso ciclabile unico chiamato Van Gogh Cycling Route che si snoderà lungo la regione del Brabante a sud dell’Olanda dove Van Gogh è nato.

Il percorso si snoderà su ben 335 km che attraverseranno cinque città che svolsero una funzione fondamentale nella vita dell’artista olandese: Zundert, Etten-Leur, Tilburg, s-Hertogenbosch e Nuenen.

Queste città oltre ad essere legate tra loro saranno anche dotate di percorsi per i turisti in modo da poter continuare a godere del paesaggio su due ruote.

Zundert è una cittadina a dimensione d’uomo di 6000 abitanti, ed è la città che vide la nascita di Van Gogh nel marzo del 1853. Numerose sono le attrazioni cittadine “tematiche”: come il museo inserito nella casa originale del pittore.

La seconda tappa è Tilburg dove si trova la scuola d’arte di Van Gogh, per proseguire verso s-Hertogenbosch dove si trova il NorthBrabant Museum dove è esposto il conosciuto dipinto “Mangiatori di patate”, e, per ultima Nuenen una cittadina che fu fonte d’ispirazione per l’artista.

Si tratta di una sola delle tante iniziative che verranno messe in piedi e se siete interessati ad una vacanza in bici in Olanda potete trovare informazioni sulla Van Gogh Cycling Route sul sito ufficiale dell’iniziativa.

Le iniziative verranno comunque organizzate in tutto il paese dal Van Gogh Europe Foundation nata dall’unione di almeno 30 organizzazioni vogliose di festeggiare un artista che tanto ha lasciato nella storia dell’Olanda.

 

Dove dormire a Los Angeles?

los-angeles-panorama-blogvacanze

Vacanza da sogno sotto ogni punto di vista a Los Angeles patria della cinematografia statunitense, delle grandi star del grande schermo, ma anche delle belle spiagge affacciate sul Pacifico.

Se volete comunque evitare di rovinarvi le vostre tanto agognate vacanze a Los Angeles dovete assolutamente il luogo ideale dove pernottare e misurare la scelta con le vostre esigenze.

Le zone da scegliere sono sicuramente almeno 4.

1-Zona di Pasadena.

Si tratta di un’area molto interessante dove trovare alloggio stando tranquilli e in assoluta sicurezza. Pensando alle dimensioni cittadine a cui noi siamo abituati, più che parlare di un quartiere, quando pensiamo a Pasadena ci viene in mente una vera e propria città all’interno di quella che può essere considerata una Contea più che una città: la Contea di Los Angeles. A Pasadena vi divertirete a girare per boutique spaziose e moderne, ma anche visitando aree veramente pittoresche soprattutto nella zona di East Colorado Boulevard.

Anche se in molti considerano questa area un pò periferica e distante dalle attrazioni turistiche di Los Angeles, in realtà Pasadena è attaccata al centro turistico della città e la metropolitana unisce le due aree i modo semplice e veloce.

2- Santa Monica: gli hotel sulla costa.

L’area di Santa Monica è senza dubbio una delle cose da vedere a Los Angeles secondo molte delle guide turistiche in circolazione. Si tratta infatti di una delle mete più famose e gettonate dal turismo balneare della California. Le sue spiagge di sabbia e le sue acque tranquille fanno parte infatti dell’immaginario mondiale della California grazie a numerose produzioni televisive che l’hanno utilizzata come sfondo. Anche Santa Monica, come Pasadena può essere considerata un’area limitrofa Los Angeles più che un’area della città, ma comunque ben collegata. Chi prenota un hotel a Santa Monica ha sicuramente a disposizione spiagge e divertimenti per il giorno, ma anche locali serali e ristoranti.

3- Prenotare un hotel a Long Beach.

Zona decisamente adatta ai giovani data la presenza della vicina università che si riversano quotidianamente sulla lunga spiaggia. Quì troverete sistemazioni di vario livello anche molto economiche. Tra gli hotel più caratteristici di Long Beach comunque segnaliamo Dockside Boad & Bed dove non soggiornerete in una stanza comune ma in una barca attraccata al molo.

4- Tra le Star a West Hollywood.

Molto più glamour ed elegante rispetto agli altri quattro è l’area di West Hollywood che fiancheggia le ricchissime Beverly Hills e Bel Air. In quest’area è facile trovare hotel di lusso vicino a zone di shopping, luoghi d’arte e una vivace vita notturna

Lisbona: uno sguardo dal tram 28

 

Week end a Lisbona
Il Tram 28 di Lisbona

Non c’è dubbio! Chiunque è stato a Lisbona ve lo segnalerà come uno dei tour da fare, come una vera istituzione nelle vacanze a Lisbona di chiunque.
Il tram 28, o come si chiama veramente l’electricio 28, citato nelle sue opere anche dall’artista locale Pessoa, non è nato come un bus turistico, eppure è amato dai turisti e permette uno sguardo diverso sul centro storico della città.

Se volete una mano nell’organizzazione del vostro prossimo week end a Lisbona non avete che da sbrigarvi a ricercare un bel volo low cost, prenotare un hotel a Lisbona il più possibile nel centro della città e prepararvi a camminare e camminare per questa capitale fatta di mare, salite, discese, nuovi edifici in vetro e diroccati palazzi che mostrano qua e là ancora qualche angolo arricchito di azulejos.

Forse il tram 28 è ormai un’usanza turistica un po’ affollata, specie in alta stagione, ma l’incedere non eccessivamente veloce per il centro storico di Lisbona, l’insinuarsi tra i vicoli passando ad un metro da finestre di case dandoti un secondo per sbirciare nella vita degli abitanti del posto, l’improvviso buttarsi su piazze con vista, tutto di questo tragitto in tram ha un non so che di quella malinconia tipica del Portogallo e della sua città più rappresentativa.
Lisbona dondola tra antico e moderno, tra allegria e inquietudine, tra tradizione e spinta all’apertura verso il mondo.

Con il suo colore giallo acceso il tram 28 è più che riconoscibile. Come vi ho detto non è un bus turistico quindi rispetta gli orari del servizio pubblico. Molti consigliano di prenderlo la mattina della domenica quando c’è molta meno folla. Io, personalmente, ho adorato salire su uno degli ultimi giri, al tramonto. Le strade pullulavano di vita, i colori si affievolivano ed il sole che calava dava una tinta inusuale a quei vicoli.

Week end a Lisbona
Il tram 28 di Lisbona

Per prendere il tram 28 dovete dirigervi a Piazza Martin Morniz. Il biglietto potete farlo a bordo per 2,50€ a meno che non avevate provveduto già con qualche tessera mezzi per coprire l’intero week end.
Il tour dell’electricio tocca tutti i quartieri più famosi della città: l’Alfama, Baixa, il Chiado, il Barrio Alto, fino allo stop a Piazza de Estrela.

Se avete tempo e voglia di camminare scendere e risalire più volte per avventurarvi nei vicoli è l’idea giusta, e magari riservatevi anche una foto nel punto panoramico del Miraduro de Graça.

Shopping ad Amsterdam: 8 souvenir fuori dal comune

shopping ad Amsterdam
Il mercato dei fiori

Non so voi, ma io sto perdendo l’abitudine di dire a tutti delle mie partenze per evitare di sentirmi dire “mi riporti un souvenir?”…”faccio collezione di calamite me ne porti una?… e via dicendo.
Che lo vogliamo o no il souvenir è una delle cose con cui in viaggio avremo comunque sempre a che fare, e, per chi è amante dello shopping, è una scusa per girare tra bancarelle e negozi. Il punto è che, ovunque si va si finiscono per comprare sempre le solite cose e si riportano a parenti ed amici simboli della destinazione visitata sotto ogni forma calamite, bottiglie, cappelli, centrotavola, sottobottiglie…e via dicendo.

Il mio ultimo viaggio è stato ad Amsterdam e, devo dire che, anche non volendo comprare nulla, ho riempito un bustone di nullità che si impolvereranno sui mobili di amici che mi insulteranno. Comunque ho girato e girato e anche ad Amsterdam ho trovato cose fuori dal comune che non fossero i soliti zoccoli fatti portachiave o apribottiglia o ciabatte di legno, o meglio ancora mulini a vento e via dicendo…

Shopping ad Amsterdam

Se siete amanti dello shopping ad Amsterdam mercatini e negozi vi offriranno un bel pò di alternative originali per souvenir fuori dal comune.


1-Fiori

L’Olanda non è solo patria dei mulini a vento, cosa dire dei fiori, dei tulipani e del carinissimo mercato dei fiori di Amsterdam? Troverete di tutto: piante già cresciute, vasi di tulipani, ma anche semi di ogni tipo di fiore. Io personalmente ho comprato una piccola pianta carnivora (lo so ma se conosceste a chi la devo regalare non direste nulla!), e dei semi di bonsai con tanto di vaso e manuale per far crescere il bonsai fai-da te, naturalmente ho preso anche una decina di bustine di tulipani di ogni tipo (che mia madre ha adorato).


2- Cucchiaini da tè.

Ce ne sono di carini, ma quelli più gettonati sono quelli con l’impugnatura a forma di mulini a vento. Si tratta di un souvenir economico e magari potete fare come me e comprare un servizio intero da 6 (o 12) a due spicci per un momento kitsch nelle vostre cene con gli amici.

Shopping ad Amsterdam

 

3- Cocci di Ceramica Delft.

Per chi di voi può permettersi un vaso Delft intero tanto meglio, per la sottoscritta significava vendere un rene quindi ho optato per i cocci utilizzati per mette insieme bigiotteria fuori dal comune. Li trovate in molti mercatini e sono decisamente più economici.

4- Fiorini Olandesi.

Adatti ai collezionisti ne troverete cassette piene nei mercatini delle pulci.

5- Il coniglietto Nijntje.

Spero di averlo scritto bene comunque si tratta di una vera e propria ossessione per gli olandesi. Da noi gira Peppa pig, in Olanda i bambini adorano Nijntje.

6- Flipje.

Non so bene chi lo apprezzerà dei vostri amici o parenti, comunque anche questo è un simbolo conosciutissimo ad Amsterdam e dintorni dato che si tratta di un bambino fumetto in giro dal 1945. Tutt’altro che carino ha un corpo di lampone, la faccia da bambino ed il cappello da cuoco… che ci trovano? Non si sa!

7- Campanelli da bici.

Anche di questi ne troverete di ogni forma e colore, dai suoni stranissimi e fuori dal comune. Magari nessuno li attaccherà mai alla propria bici, ma almeno stupirete in originalità.

Shopping ad Amsterdam

8- Campanelle per l’ingresso di casa.

Altra cosa che in molti non attaccheranno mai fuori della porta di casa…voi direte! invece vi posso assicurare che i miei sopra il noioso campanello hanno una mucca che regge una campana con la scritta Amsterdam!

Almeno non si impolvera sul mobile della camera da pranzo

Vacanza in Costiera: come visitare Sorrento in un giorno?

Un giorno a Sorrento
Panorama di Sorrento

Un paradiso terrestre che si affaccia sul mare azzurro con le sue coste frastagliate e le casette colorate che guardano meravigliate il panorama.

Come non innamorarsi della costiera Sorrentina?

Una bellezza così sfacciata che non poteva non essere presa d’assalto da migliaia e migliaia di turisti ogni anno.

Arrivare a Sorrento a volte è una vera impresa, ma già il panorama della strada, prima di arrivare è uno spettacolo.

Un giorno a Sorrento
Centro storico Sorrento

 

Personalmente a Sorrento ho dedicato più escursioni mordi e fuggi senza avere mai l’opportunità di viverla, ma con l’indiscussa comodità di essere accompagnata da gente del posto che ha saputo indirizzarmi subito a ciò che di bello c’era da fare.

Quindi, anche se sembra un grande oltraggio dedicare un solo giorno a questa città vi darò qualche consiglio su come visitare Sorrento in un giorno.

Per iniziare il vostro tour partite dalla piazza principale, vero cuore del centro storico di Sorrento: Piazza Tasso dedicata proprio all’autore del celebre libro “La Gerusalemme liberata” che nacque quì nel 1544. Prima di proseguire il tragitto comunque, se siete amanti dell’arte, troverete proprio di lato la piazza il Museo Correale di Terranova all’interno del quale potrete ammirare dipinti e molti altri oggetti artistici del sedicesimo e diciannovesimo secolo.

Un giorno a Sorrento
Centro storico Sorrento

Da questa affollata piazza parte il frequentatissimo Corso Italia la via pedonale patria di boutique e negozi di souvenir e che si prolunga fino alla zona di mare. 

Lungo il percorso merita uno stop l’imponente Duomo dedicato ai santi Filippo e Giacomo. Da ammirare soprattutto le opere in legno interne.

L’attività artigianale della città di Sorrento è sicuramente una delle attrazioni principali che vi affascineranno. Lungo le stradine intricate del centro storico vi imbatterete in numerose botteghe, ma comunque sono molti i musei dedicati a queste attività come il Museo della Tarsia Lignea ospitato da Palazzo Pomarici Santomasi.

Tra i luoghi da visitare a Sorrento durante il vostro tour trovate un pò di tempo anche per la Chiesa di San Francesco d’Assisi e per la Basilica di Sant’Antonino.

Un giorno a Sorrento
Il Duomo di Sorrento

Comunque il centro storico di Sorrento è bello per lunghe passeggiate guardando quà e là affascinati fino al ritorno alla vostra macchina.

Se volete però un consiglio, questa volta culinario, non mancate di assaggiare, prima della partenza, una squisita delizia al limone, un dolce tipico che porto nel cuore da quando proprio quì lo assaggiai per la prima volta.