Le più belle città maya dello Yucatan – parte I

0
263
Chichen-Itza-Yucatan-Mexico-El-Castillo-1-FQ7ZOLYWPE-1600x1200

Yucatan

Quando si parla degli antichi Maya è come se si intraprendesse un viaggio verso una della civiltà preispaniche più avanzate dell’America. La sua orma è evidente in paesi come le Honduras, il Guatemale, il Belize e soprattutto il Messico. Sono molte le zone archeologiche che si possono visitare nel territorio delle Yucatan per andare alla scoperta di questa particolare cultura.

Abbiamo cercato di descrivere 5 dei più bei luoghi archeologici maya da visitare in Messico.

Nonostante la gran quantità di persone che vanno e vengono da quelle zone ancora oggi si può vedere come il loro particolare aspetto di “città perdute”. Partendo da Cancùn e noleggiando un veicolo si può iniziare il nostro viaggio alla scoperta di questa splendida civiltà ammirando i resti archeologici della città in cui hanno vissuto e continuano a vivere da secoli.

Chichen-Itza-Yucatan-Mexico-El-Castillo-1-FQ7ZOLYWPE-1600x1200

Chichen Itzá
Non esiste viaggio verso il mondo Maya senza visitare Chichen Itzá la cui piramide (o tempio) di Kukulkán è famosa in tutto il mondo. Del resto si tratta di una delle sette meraviglie del mondo moderno (eletta nel 2007), premio non solo a questo complesso archeologico ma anche a tutto ciò che è stato scoperto in questo sito maya. La piramide governa dall’alto della sua maestosità tutto il paesaggio ed è formata da grandi scalinate che corrono lungo i suoi quattro lati. Al calare ed al sorgere del sole gli angoli delle piramidi proiettano un’ombra (ben visibile durante gli equinozi di primavera e di autunno) che sembra avere la forma di un serpente che scende lungo la scalinata. Le rovine appartenevano ad uno dei più grandi centri della regione tra il VI ed il XI secolo. Diversi sono gli stili architettonici che si possono ammirare. La praola Chichen Itzá significa letteralmente Alla bocca del pozzo degli Itza, un gruppo etnico la cui posizione economica e politica era molto importante nella parte settentrionale della penisola. itza significa maghi dell’acqua. Altri siti importanti della zona sono il Tempio dei Guerrieri, il Complesso de las Monjas, l’Akab Dzib, il Caracol e le Grotte di Balankanche.

ek_balam_mayan_ruins

Ek Balam
Sorge a circa 30 kilometri da Valladolid, immerso in una splendida natura incontaminata. In linguaggio maya il nome significa “Giaguaro Nero” e fu per alcuni anni capitale della civiltà Maya. Il sito esiste sin dal IV secolo a.C. ed oggi regala la possibilità di ammirare splendidi edifici decorati con pitture murali ed opere d’arte stupefacneti: soffitti a volta e disegni monocromatici dalla grandfe forza espressiva. Si rappresentavano spesso esseri mitologici, animali e divinità che ancora oggi sono visibili sopra le mura delle 45 strutture in pietra che compongono il complesso. L’Acropoli è una grande struttura la cui decorazione è molto ben conservata.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Scrivi il tuo nome qui