Storia di Lecce, la Firenze del Sud

3
441

Da alcuni anni la Puglia è balzata in testa alle preferenze dei viaggiatori italiani e stranieri, letteralmente rapiti dalla bellezza e della varietà sei suoi paesaggi, dalla ricchezza del suo patrimonio storico-artistico, dall’eccellenza delle sua cucina e dall’unicità del suo artigianato.

Un primato di certo meritato, visto che questa regione è sicuramente una delle più suggestive, ricche e degne di essere visitate della nostra bella Italia.

Molto gettonate nel periodo estivo, per l’ampia disponibilità di località balneari, le vacanze in Puglia sono in realtà anche una valida soluzione per chi è alla ricerca di un viaggio autunnale e questo perché la Puglia, oltre al mare, può vantare anche dei veri e propri gioielli di arte e di storia.

Tra questi uno dei primi da citare è certamente Lecce, una città talmente affascinate e capace di stimolare i visitatori da essere stata definita come la Firenze del Sud Italia.

Un soprannome, questo, che Lecce merita appieno essendo una delle città italiane nelle quali ha trovato il massimo sviluppo l’arte barocca, raggiungendo primati eccezionali e di difficile comparazione al punto tale che si parla addirittura di “barocco leccese”.

Secondo la tradizione, ancor prima della famosa guerra di Troia esisteva già una cittadina messapica, Sybar, che in seguito alla conquista degli Japigi e poi dei Romani venne ribattezzata Lupiae e assumendo la denominazione di municipium.

Fu proprio sotto i Romani che la città conobbe un momento di considerevole sviluppo non solo allargando i propri confini territoriali ma anche estendendo la sua potenza economico-politica e il suo primato artistico.

Nei secoli successivi diverse popolazioni continuarono ad avvicendarsi su questo territorio, ma si dovettero attendere i Normanni per far rinascere Lecce e farle conoscere un nuovo periodo di splendore. Fu proprio sotto la guida normanna che la città divenne un importante crocevia commerciale sino a divenire la capitale del Salento.

Dopo i Normanni fu la volta degli Svevi e degli Angioini, sino a quando la città non venne assoggettata al Regno di Napoli che ne valorizzò l’importanza. Un momento di profonda trasformazione urbanistica si ebbe invece con la conquista spagnola; furono infatti gli Spagnoli a edificare in città numerosi monumenti ed edifici religiosi, creando contemporaneamente sontuose abitazioni private, congregazioni religiose, opere pubbliche e così via.

Dopo tanto splendore arrivò un periodo di buio portato da una terribile epidemia di peste che devastò la città nel 1656.

Di questo passato così ricco e tumultuoso, Lecce conserva oggi testimonianze di impareggiabile bellezza; da vedere sono certamente Piazza Sant’Oronzo, l’Anfiteatro e il Duomo Romano, il Campanile, la Basilica di Santa Croce, la Chiesa dei Santi Nicolò e Cataldo, la Chiesa di San Matteo, il Castello di Carlo V, la porta di San Biagio e un numero indefinito di dimore nobiliari.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIdee per il capodanno
Articolo successivoAppartamenti a Roma, dormire Low Cost
Blogger e appassionata viaggiatrice scrive per BlogVacanze.com dal 2012. Sara viaggia molto durante l'anno attraverso tutti i continenti e al suo ritorno condivide le sue esperienze di viaggio e racconta le sue vacanze ai nostri lettori, scrivendo dei fantastici articoli contenenti utili consigli di viaggio. Inoltre Sara è anche un'assidua ricercatrice di informazioni per viaggi che poi condivide con i nostri lettori tramite i suoi post.

3 COMMENTI

  1. Quest’anno sono stata in Salento, dopo un paio di anni in cui ho trascorso l’estate in Versilia.
    Davvero bei posti, gente gentile e cordiale, ti aiuta senza nessuna riserva.
    Un mare stupendo e cibo fantastico. Potrei chiamarla Vacanza, con la V maiuscola.
    Ma la Versilia è casa ormai, e anche l’Augustus. Potrei andare fuori Versilia ad anni alternati!!

  2. Quest’estate dovo innumerevoli estati passate in Sicilia, ho deciso di scoprire il Salento. Avevo già visto la città di Lecce, ma ero curioso di scoprire il vero salento, la parte bassa del tacco. Ebbene ho effettuato alcune ricerche su internet e ho fatto richiesta di alcune strutture. Mi sono affidato a SalentoPlanet, un portale che oltre ad offrire una serie di strutture, mi ha dato una serie di idee e consigli su osa fare. Cmq mi hanno trovato una sistemazione in un posto strategico (Tricase). Strategico perchè ero a 3 km dalle coste adriatiche, un paesaggio davvero unico, mare cristallino, leggera brezza tutti i giorni. Se piace il mare sugli scogli, consiglio di andare a Castro, Porto Badisco, Tricase porto e giù fino a S.M.Leuca c’è solo l’imbarazzo della scelta. Ma allo stesso tempo ero a 20 minuti di macchina dalle famose Maldive del Salento. Infatti Marina di Pescoluse, Lido Marini e chi più ne ha più ne metta erano ad un tiro di schioppo. IN questo modo riuscivo a godermi il sorgere del sole dal versante adriatico e a rilassarmi guardando un meraviglioso tramonto sul lato ionico. Che dire davvero una splendida vacanza. Credo che quest’anno ci andrò di nuovo…

  3. Ciao Daniele, io pensavo di andare proprio intorno a Tricase per ponte del 2 Giugno, e le tue spiegazioni mi hanno convinta ancora di più. In realtà, conosco abbastanza bene il resto del Salento: Otranto, Gallipoli, ovviamente Lecce, ma non sono mai andata fino profondo tacco!!! Sono andata sul sito a cui ti sei affidato, salentoplanet, e ho notato che hanno tantissime strutture per tutte le necessità e tasche!! Poi hanno come servizi anche ittiturismo, pesca, trekking, noleggio barche, il che potrebbe essere interessante visto che il 2 Giugno non so se si potrà andare al mare… quindi penso che seguirò il tuo consiglio e, come sempre, vi terrò informati.
    S.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Scrivi il tuo nome qui